Putin Vladimir

Putin Vladimir, Presidente della Federazione russa

Vladimir Putin è un uomo politico russo, attuale Presidente della Federazione russa, mandato già conferitogli negli anni 2000 - 2008. Nel 2008 durante la presidenza di Dimitrij Medvedev, Vladimir Putin è stato nominato Primo Ministro, fino alla sua rielezione, avvenuta nel 2012.

Gli studi e l'ingresso nei servizi di sicurezza KGB

Vladimir Putin è nato a San Pietroburgo (Leningrado) nel 1952. Ha conseguito i suoi studi presso l'Università statale di Leningrado dove si è laureato in Diritto Internazionale nel 1975.

Al termine dei suoi studi, Vladimir Putin si arruola nel KGB (Komitet gosudarstvennoj bezopasnosti) il Comitato di sicurezza, servizi segreti e polizia segreta dell'Unione Sovietica. Inizialmente viene impiegato nel dipartimento estero dei servizi segreti. Negli anni successivi viene inviato nella cittadina di Dreda, nella Germania dell'Est, per occuparsi del controspionaggio politico, dove vi rimarrà fino alla caduta del Muro di Berlino.

Nel 1991 rientrato a Leningrado, Vladimir Putin ricoprì diversi incarichi di prestigio nell'amministrazione municipale, per poi diventare il braccio destro dell'allora sindaco di Leningrado, Anatolij Sobcak (mandato terminato nel 1996).

L'ingresso nel mondo politico

Nel 1996 Vladimir Putin viene convocato a Mosca, al Cremlino e da qui inizierà la sua scalata nel mondo politico, dove svolgerà diverse importanti mansioni. Nel 1997 l'allora Presidente russo, Boris Eltsin lo nominò capo del Personale Presidenziale, in seguito gli vennero conferiti altri incarichi come capo del Servizio Federale di Sicurezza (Fsb) e capo del Consiglio di sicurezza presidenziale.

Putin, Presidente della Federazione russa

In seguito al ritiro (per motivi di salute) del Presidente Boris Eltsin, avvenuto nell'agosto del 1999, Vladimir Putin si candida alla Presidenza della Federazione russa. Nel marzo del 2000 vince le elezioni e viene nominato Capo di Stato, raggiungendo oltre il 53% dei consensi.

Secondo mandato presidenziale

Durante le elezioni presidenziali del marzo 2004, il leader Vladimir Putin, viene riconfermato come Presidente, raggiungendo il 71,2% dei voti. Nelle elezioni presidenziali che si sono svolte nel marzo del 2008, Putin secondo le regole della Costituzione sovietica, non poteva essere eletto per la terza volta consecutiva, quindi al suo posto viene candidato Dimitrij Medvedev, supportato dal Presidente uscente (nominato dallo stesso Putin nel 2005, Vice Primo Ministro), mentre a Vladimir Putin viene insignito l'incarico di Primo Ministro.

Vladimir Putin ed il terzo mandato al Cremlino

Nel marzo del 2012, si sono svolte le elezioni presidenziali e Vladimir Putin si candida, riconfermandosi Presidente del Cremlino per la terza volta, raggiungendo il 64,3% dei voti, contro il 17,1% del candidato comunista G.A. Zyuganov.

Per maggiori informazioni: PUTIN VLADIMIR



Sanzioni occidentali: cosa ne pensano i russi? Putin al Top

Gli europarlamentari di Bruxelles non sembrano aver capito il fallimento delle sanzioni e la “giustizia”, più che nella realtà, è “nelle loro teste”.

Sanzioni occidentali: cosa ne pensano i russi? Putin al Top

Mercati tra incertezze e attese: strategie per operare al meglio

Con il protrarsi sfiancante delle incertezze, i cigni neri si trasformano in avvoltoi che aleggiano sui mercati. Come muoversi in questa fase? Ce lo suggerisce Sante Pellegrino trader professionista.

Mercati tra incertezze e attese: strategie per operare al meglio

L'accordo in Ucraina regala ottimismo a Piazza Affari

Ucraina che spinge le borse, libere da almeno uno dei due fardelli. Se la Grecia è stata rimandata ancora, l’Ucraina può sperare in una tregua.

L'accordo in Ucraina regala ottimismo a Piazza Affari

Ucraina: accordo provvisorio, ma c'è ancora molto da fare

Voci incontrollate parlano di difficoltà negli accordi, con un documento che è circolato nella notte e che parlava di cessate il fuoco dal 14 febbraio. Poi la smentita da entrambe le parti: Kiev e Mosca continuano la trattativa ma non più a 4.

Ucraina: accordo provvisorio, ma c'è ancora molto da fare

Usa contro Russia: ultima possibilità prima del conflitto?

Usa pronti a sostenere Kiev e a mettersi contro Putin. La guerra del nuovo millennio è diversa: senza un nemico geograficamente individuabile, senza una dichiarazione ufficiale, ormai obsoleta, e i morti, spesso, arrivano da "fuoco amico".

Usa contro Russia: ultima possibilità prima del conflitto?

Ucraina: o c'è accordo o c'è guerra

Di certo c’è solo il fatto che l’incontro tra la Merkel, Hollande e Putin sta creando una spaccatura nella Nato con l’Europa.

Ucraina: o c'è accordo o c'è guerra

Russia: toccateci tutto, ma non la vodka! E l'inflazione vola...

Se il petrolio è il combustibile dell’economia russa, la vodka è il rifornimento necessario per far fronte al freddo e alla depressione (economica).

Russia: toccateci tutto, ma non la vodka! E l'inflazione vola...

Sanzioni a Russia. Mosca risponde tagliando i tassi. E' Guerra

Che sia economica, politica o monetaria, ormai il fronte Usa-Russia è aperto. Nel passato si parlava di guerra fredda, oggi si parla, anche se non ufficialmente, di guerra economica. L'Ue ha già deciso per le sanzioni, gli Usa lo faranno a breve.

Sanzioni a Russia. Mosca risponde tagliando i tassi. E' Guerra

Russia ha dimezzato i rifornimenti: Europa (presto?) senza Gas?

Nella continua disputa tra Mosca e Kiev, arriva adesso l’ordine da parte del presidente russo Vladimir Putin di bloccare l’invio di gas naturale all’Ucraina, accusata di rubare il gas. Conclusione: 6 nazioni non hanno gas e Francia e Germania sono a rischio.

Russia ha dimezzato i rifornimenti: Europa (presto?) senza Gas?

Soros: la vera minaccia per l'Europa non è la Grecia

Proprio mentre tutti guardano alla Bce e al suo ormai imminente (ma siamo sicuri?) QE, Soros sposta l’attenzione dall’altro lato del fronte e cioè su quello russo.

Soros: la vera minaccia per l'Europa non è la Grecia

Il rublo non convince. E' guerra a tutti gli effetti

Bastano le parole. E qualche fatto concreto, nel caso di Mosca e del Rublo, con la banca Centrale entrata in azione, diverse volte. Ma il sospetto che più che le azioni dell’istituto di credito sovietico, a far smuovere la divisa siano state le parole, minacciose, dello Zar-Putin, resta più che lecito.

Il rublo non convince. E' guerra a tutti gli effetti

Putin show dall'orso russo al nazionalismo disperato

Riflettori nuovamente puntati sulla Russia, anzi sul presidente Vladimir Putin che nella conferenza di fine anno ha dovuto ammettere la crisi economica e internazionale senza però riconoscerne appieno l’estrema gravità.

Putin show dall'orso russo al nazionalismo disperato

Russia e rublo: i pericoli restano nonostante le parole

Vladimir Putin ha parlato. Tanto. Come era facile prevedere. Trattandosi di propaganda elettorale ancora prima che una vera e propria conferenza stampa di fine anno, lo Zar ha deciso di sparare a zero. Di tutto di più.

Russia e rublo: i pericoli restano nonostante le parole

Russia KO: una crisi valutaria combattuta senza il rublo

Gli effetti della conferenza stampa di Putin e delle misure prese in extremis dalla banca centrale russa non hanno ancora mostrato la propria forza sul breve termine. A prescindere dai risvolti, lo scenario attuale porterà a cambiamenti radicali nei rapporti tra economie straniere e a nuovi equilibri finanziari mondiali.

Russia KO: una crisi valutaria combattuta senza il rublo

Chi ci guadagna dalla crisi russa? Sorpresa! La Russia!

La moneta di Mosca è in caduta libera, costretta ad aggiornare continuamente i suoi cross con dollaro ed euro. Eppure, mentre tutti gridano al default, altri vanno oltre e scoprono che a guadagnarci sono i russi...

Chi ci guadagna dalla crisi russa? Sorpresa! La Russia!

Euro/Rublo sui massimi storici

Il cross sintetico Euro/Rublo, rompe il muro di area 70 e si porta sui massimi storici sul livello puntuale 73,005.

Euro/Rublo sui massimi storici
apk