Putin Vladimir

Putin Vladimir, Presidente della Federazione russa

Vladimir Putin è un uomo politico russo, attuale Presidente della Federazione russa, mandato già conferitogli negli anni 2000 - 2008. Nel 2008 durante la presidenza di Dimitrij Medvedev, Vladimir Putin è stato nominato Primo Ministro, fino alla sua rielezione, avvenuta nel 2012.

Gli studi e l'ingresso nei servizi di sicurezza KGB

Vladimir Putin è nato a San Pietroburgo (Leningrado) nel 1952. Ha conseguito i suoi studi presso l'Università statale di Leningrado dove si è laureato in Diritto Internazionale nel 1975.

Al termine dei suoi studi, Vladimir Putin si arruola nel KGB (Komitet gosudarstvennoj bezopasnosti) il Comitato di sicurezza, servizi segreti e polizia segreta dell'Unione Sovietica. Inizialmente viene impiegato nel dipartimento estero dei servizi segreti. Negli anni successivi viene inviato nella cittadina di Dreda, nella Germania dell'Est, per occuparsi del controspionaggio politico, dove vi rimarrà fino alla caduta del Muro di Berlino.

Nel 1991 rientrato a Leningrado, Vladimir Putin ricoprì diversi incarichi di prestigio nell'amministrazione municipale, per poi diventare il braccio destro dell'allora sindaco di Leningrado, Anatolij Sobcak (mandato terminato nel 1996).

L'ingresso nel mondo politico

Nel 1996 Vladimir Putin viene convocato a Mosca, al Cremlino e da qui inizierà la sua scalata nel mondo politico, dove svolgerà diverse importanti mansioni. Nel 1997 l'allora Presidente russo, Boris Eltsin lo nominò capo del Personale Presidenziale, in seguito gli vennero conferiti altri incarichi come capo del Servizio Federale di Sicurezza (Fsb) e capo del Consiglio di sicurezza presidenziale.

Putin, Presidente della Federazione russa

In seguito al ritiro (per motivi di salute) del Presidente Boris Eltsin, avvenuto nell'agosto del 1999, Vladimir Putin si candida alla Presidenza della Federazione russa. Nel marzo del 2000 vince le elezioni e viene nominato Capo di Stato, raggiungendo oltre il 53% dei consensi.

Secondo mandato presidenziale

Durante le elezioni presidenziali del marzo 2004, il leader Vladimir Putin, viene riconfermato come Presidente, raggiungendo il 71,2% dei voti. Nelle elezioni presidenziali che si sono svolte nel marzo del 2008, Putin secondo le regole della Costituzione sovietica, non poteva essere eletto per la terza volta consecutiva, quindi al suo posto viene candidato Dimitrij Medvedev, supportato dal Presidente uscente (nominato dallo stesso Putin nel 2005, Vice Primo Ministro), mentre a Vladimir Putin viene insignito l'incarico di Primo Ministro.

Vladimir Putin ed il terzo mandato al Cremlino

Nel marzo del 2012, si sono svolte le elezioni presidenziali e Vladimir Putin si candida, riconfermandosi Presidente del Cremlino per la terza volta, raggiungendo il 64,3% dei voti, contro il 17,1% del candidato comunista G.A. Zyuganov.

Per maggiori informazioni: PUTIN VLADIMIR



Russia sull’orlo della (finta?) catastrofe

5 rialzi dei tassi in un anno per riuscire a fermare la svalutazione incontrollata di una moneta che ormai è quasi carta straccia. 5 tentativi falliti, ma anche un affare per il governo di Mosca.

Russia sull’orlo della (finta?) catastrofe

Roubini e i pericoli in arrivo (o già presenti?) per il 2015

Nouriel Roubini vede 5 potenziali pericoli economici, 5 tessere del puzzle che si sta componendo man mano sotto i nostri occhi e che, tra guerra valutaria, rischi geopolitici e previsioni, inizialmente troppo ottimistiche, ora riviste al ribasso, rischiano di scatenare la famosa tempesta perfetta che continua ad essere annunciata.

Roubini e i pericoli in arrivo (o già presenti?) per il 2015

La tempesta perfetta si è già scatenata. E in un posto preciso

Lo spettro del default, come nel 1998, è sempre più forte, mentre la recessione, come detto, è realtà. Recessione ormai conclamata, ma è anche vero che una serie di ulteriori fattori si è addensata sui nuvolosi cieli invernali.

La tempesta perfetta si è già scatenata. E in un posto preciso

Finanza e Mercati: le migliori azioni a Piazza Affari

La scorsa settimana si è chiusa con due eventi arrivati a mercati aperti: l'attesa conferenza stampa della Bce e i non farm payrolls.

Finanza e Mercati: le migliori azioni a Piazza Affari

Petrolio giù, Euro/Rublo su: aggiornati i massimi storici

Nuovi record storici per il cross Euro/Rublo, correlato negativamente al prezzo del petrolio.

Petrolio giù, Euro/Rublo su: aggiornati i massimi storici

Putin gioca l'ultima carta per salvare il rublo. E la Russia

Fuga dalla Russia, in tutti i sensi. Fuga di capitali, fuga di progetti, fuga di investitori e anche di appoggio politico. Putin, con il suo discorso alla nazione, ha tentato di ridare fiducia alla popolazione. Ma il rublo non risponde.

Putin gioca l'ultima carta per salvare il rublo. E la Russia

Borse in altalena E la Russia in recessione dal 2015

Tutti contro la Russia…Dagli sceicchi Arabi che fingono di litigare con gli States, passando dal complottismo sugli energetici, aggiungendo anche un po’ di colpa di Mosca che in alcuni casi se la va a cercare, per finire su quel Putin che non ispira grandi simpatie.

Borse in altalena E la Russia in recessione dal 2015

Petrolio in calo, spinta per gli USA (e dramma per la Russia)

Il calo dei prezzi del petrolio "E 'una buona notizia per l'economia globale", ha sostenuto Ms Lagarde, con chiaro focus rivolto agli USA. E il resto del mondo? Secondo il capo dell'FMI, l'Europa deve proseguire le riforme e la Russia...sconterà a ribasso il colpo.

Petrolio in calo, spinta per gli USA (e dramma per la Russia)

Mosca annulla progetto South Stream. Attenzione su Eni e Saipem

Brutto periodo per gli energetici. Crisi mondiale, petrolifera e ucraina, stanno dando i primi frutti. Purtroppo.

Mosca annulla progetto South Stream. Attenzione su Eni e Saipem

Guerra del petrolio: 70 $ è solo l'inizio? Gli scenari possibili

Opec che non taglia la produzione e petrolio che scende ai minimi da 4 anni e oltre. Per ora si attesta sui 70 dollari al barile, ma per molti si arriva a pensare ribassi storici. Possibile guerra del greggio? Le opinioni di Giancarlo Dall’Aglio, trader esperto nel settore delle Commodities

Guerra del petrolio: 70 $ è solo l'inizio? Gli scenari possibili

Per Jim Rogers la scommessa è Mosca. Il resto? Tutto fumo...

La Russia, compra oro, Rogers compra la Russia. L’Occidente, in questa vicenda, non ha ancora capito da che parte gli convenga stare.

Per Jim Rogers la scommessa è Mosca. Il resto? Tutto fumo...

Putin, il "Compro-Oro" della Russia

Se si guarda all’oro non si può fare a meno di porsi una domanda: perché l’apparente disinteresse del mercato, così come le stime ribassiste delle principali banche d’affari, sono contrastate da una richiesta sempre più affamata di oro da parte delle banche centrali?

Putin, il "Compro-Oro" della Russia
apk