Soumahoro si autosospende dal gruppo Verdi-SI. E in tv dice: "Ho commesso una leggerezza"

Aboubakar Soumahoro si autosospende dal Gruppo Verdi e Sinistra

Aboubakar Soumahoro si autosospende dal Gruppo Alleanza Verdi e Sinistra della Camera dei Deputati. E' questa la conclusione a cui si è arrivati in giornata. A comunicarlo una nota del gruppo alla Camera dei Deputati. In serata poi lunga intervista del deputato a Piazzapulita su La7 con Corrado Formigli. Ecco il punto della situazione sulla vicenda.

Aboubakar Soumahoro si autosospende dal Gruppo Verdi e Sinistra della Camera

Aboubakar Soumahoro ha preso la decisione di autosospendersi dal gruppo Verdi e Sinistra della Camera. Il neo-eletto deputato ed ex sindacalista dei braccianti è finito al centro della bufera mediatica per presunte accuse di irregolarità e stipendi non pagati nella gestione delle cooperative per l’accoglienza che fanno capo a persone appartenenti alla sua famiglia.

Aboukabar Soumahoro si autosospende dal gruppo: le parole di Bonelli e Fratoianni

"Abbiamo incontrato Aboubakar Soumahoro per discutere e approfondire le vicende che da giorni sono al centro della cronaca. Lo abbiamo trovato sereno e determinato. Ci ha esposto il suo punto di vista e ha annunciato l’intenzione di rispondere punto su punto e nel merito alle contestazioni giornalistiche, ribadendo la sua assoluta estraneità alle vicende. Naturalmente sarà lui a farlo, nelle forme e nei tempi che riterrà più opportuni. Perché questo avvenga con la massima libertà, Aboubakar Soumahoro ci ha comunicato la decisione di autosospendersi dal gruppo parlamentare di Alleanza Verdi Sinistra".

E' questo il contenuto di una nota di Angelo Bonelli, Nicola Fratoianni e Luana Zanella, rispettivamente co-portavoce di Europa Verde, segretario di Sinistra italiana e capogruppo alla Camera di Alleanza Verdi Sinistra Italiana dopo il confronto con il neo-eletto deputato.

Bonelli: ”Rispettiamo questa scelta che seppure non dovuta dimostra il massimo rispetto per le Istituzioni"

Per Angelo Bonelli "rispettiamo questa scelta che, seppur non dovuta, mostra il massimo rispetto che Aboubakar Soumahoro ha delle istituzioni e del valore dell’impegno politico per promuovere le ragioni delle battaglie in difesa degli ultimi che abbiamo sempre condiviso con lui. Siamo fiduciosi, considerato quanto riferitoci, che la vicenda possa essere chiarita in tempi rapidi e senza alcuna ombra”.

Abbiamo avuto un chiarimento lungo profondo, tant’è che questo chiarimento è iniziato ieri, non una formalità, e abbiamo ascoltato con attenzione cosa aveva da dire. Lo ribadisco, non è indagato ma c’è una questione politica che doveva essere valutata insieme.

Aboubakar Soumahoro a Piazza Pulita su La7: ”Ho commesso una leggerezza”

In serata Aboubakar Sohumaoro ha preso parte alla trasmissione de La7 Piazza Pulita condotta da Corrado Formigli. Ed è stato al centro di una lunga intervista.

Ho commesso una leggerezza, spiega Soumahoro, dovevo fare meno viaggi e stare accanto a questi lavoratori. Chiedo scusa per essere stato poco attento, chi ha sbagliato ne dovrà rispondere. Per come sono fatto, se avessi saputo di certe situazioni non mi sarei nemmeno candidato.

Sono molti i "non sapevo" che Soumahoro dice mentre Formigli lo intervista.

“Mi risultava che la cooperativa fosse virtuosa, poi vengo a sapere che ci sono degli stipendi non pagati, la mia compagna mi ha detto che erano ritardi della pubblica amministrazione. Per me era una risposta sufficiente. Ma le testimonianze che ho visto sono di più rispetto agli stipendi non pagati”.

Soumahoro dice che

dalle testimonianze che ho sentito, e proprio alla luce di queste, dico bene hanno fatto i lavoratori a rivendicare i loro sacrosanti diritti e andremo fino in fondo a questa situazione.

Il deputato spiega anche il motivo per il quale ha deciso di auto-sospendersi dal gruppo parlamentare di Alleanza Verdi e Sinistra: “Perché credo fermamente nei valori dell’integrità, ma anche per rispetto e tutela della storia che mi porta qui”.