Sergio Mattarella: "Sul prezzo dell'energia serve risposta urgente dell'Unione Europea"

Parla il Capo dello Stato Sergio Mattarella: "Sul prezzo dell'energia serve una risposta urgente dell'Unione Europea". Reazioni e commenti politici.

Image

Parla il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

In un periodo in cui in piena campagna elettorale le sue dichiarazioni sono ridotte al lumicino il Capo dello Stato ha mandato un messaggio al Forum, European House-Ambrosetti e i due punti cardine che ha deciso di fare pervenire il Capo dello Stato sono decisamente incisivi.

Primo tema la crisi energetica e il caro bollette e in secondo luogo l'applicazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Vediamo le sue parole e le reazioni alle frasi del Capo dello Stato.

Parla Sergio Mattarella: ”Risposta urgente dell'Unione Europea sui prezzi dell'energia”

Ecco le parole di Sergio Mattarella:

Il vertiginoso innalzamento dei prezzi dell'energia, sostiene Mattarella, favorito anche da meccanismi irragionevoli e da squilibri interni tra i Paesi europei, costituisce uno dei nodi più critici del momento attuale. È necessaria e urgente una risposta europea all'altezza dei problemi. I singoli Paesi non possono rispondere con efficacia alla crisi. Nel liberarsi dalla dipendenza russa per le fonti di energia, l'Europa è chiamata, ancora una volta, a compiere un salto in avanti in determinazione politica, integrazione, innovazione". 

Parla Sergio Mattarella: ”Attuazione puntuale del Pnrr è fondamentale”

Mattarella parla anche dell'attuazione del PNRR.

”La crisi energetica acuisce problemi e difficoltà provocate da una pandemia ancora non definitivamente debellata e dalle sue conseguenze. Nuove fratture si sono aggiunte alle vecchie: la sostenibilità - ambientale, sociale, economica – si mostra sempre più come criterio decisivo per governare il presente e pensare il futuro”.

”Proprio la lotta alla pandemia - prosegue Mattarella - è stata occasione di una svolta europea nel segno della solidarietà, della condivisione di rischi e benefici e della progettazione di interventi espansivi orientati all’innovazione, all’economia verde, all’equità sociale, alla crescita di competitività dei sistemi. La puntuale attuazione dei Piani nazionali di ripresa e resilienza, che ogni Paese è chiamato a realizzare, è fondamentale. Occorre continuare su quella strada, legando lo spirito del Green Deal e del NextGeneration EU a una Europa cosciente del proprio ruolo e delle proprie responsabilità”.

Enrico Letta (Partito Democratico): ”Mattarella ha ragione, su energia serve risposta dell'Europa”

Enrico Letta, segretario del Partito Democratico ha commentato le parole del Capo dello Stato:

Ha ragione il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha lanciato un messaggio puntuale, giusto e tempestivo, chiedendo una risposta europea immediata ed efficace sul problema dell'energia. Una risposta che può essere complessiva solo a livello europeo, mentre a livello nazionale si possono dare risposte utili ma limitate. Ho grande attesa per il prossimo 9 settembre quando ci sarà la riunione dei ministri europei dell'Energia.

Dario Franceschini (Partito Democratico): "Non dimenticare che governo caduto per M5s"

E' avvenuto talmente in fretta che si dimenticano le cose, analizza Franceschini,. Adesso, proprio in questi giorni, con il caro bollette, il caro energia, la guerra in Ucraina tutti i problemi che questo autunno porterà c'era bisogno di un governo stabile in carica. Draghi avrebbe avuto la scadenza naturale a marzo, quindi avrebbe potuto governare bene il paese.

Sono queste le parole di Dario Franceschini del Partito Democratico. "I 5 stelle hanno una responsabilità enorme, insieme alla destra, di aver fatto cadere questo governo per un calcolo di convenienza e questa cosa purtroppo non può essere dimenticata”.

Matteo Salvini (Lega): ”Ha ragione Mattarella a chiedere intervento urgente dell'Europa”

Matteo Salvini leader della Lega ha commentato sui suoi social le parole di Sergio Mattarella:

Ha ragione Mattarella a chiedere un intervento urgente dell’Europa: scudo europeo come per il Covid per finanziare imprese produttrici e distributrici di energia per bloccare i prezzi a imprese e famiglie, mentre si lavora per aumentare produzione e risparmi energetici. 

Giuseppe Conte (Movimento 5 Stelle): “Pronti a scostamento bilancio come per Covid”

Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle ha spiegato che ”sulla crisi energetica in Italia bisogna avere il coraggio di generare risorse e se poi non dovesse bastare fare anche uno scostamento di bilancio. Io dico: abbiamo fatto cinque scostamenti nel momento più duro della pandemia, abbiamo portato il pil a +6,6% e lasciato lo spread sotto i 100. Quando c’è una politica economica e sociale ben costruita, ben comunicata ai cittadini oltre che ai mercati, anche i mercati finanziari capiscono”.

Carlo Calenda (Italia sul Serio, Terzo Polo): “Diversificare fonti energetiche ma nucleare ineludibile”

Amplia il ragionamento Carlo Calenda (Terzo Polo):

“Bisogna lavorare per una ulteriore diversificazione delle fonti energetiche, con un rigassificatore a Ravenna oltre a quello di Piombino, e credo ce ne vorrà anche un altro per mettersi in sicurezza. Il nucleare è un punto di medio lungo termine ma ineludibile per la ragione che ci siamo impegnati a raggiungere le emissioni zero entro il 2050. Purtroppo le rinnovabili sono intermittenti. Occorre una fonte fissa, che può essere il carbone ma è molto inquinante, o il nucleare”.