Colombia al voto. Il paese sudamericano è andato alle elezioni domenica 29 maggio. Non è stato eletto il presidente e ci sarà un ballottaggio a decidere chi sarà il prossimo presidente della Colombia.

A contendersi la presidenza della Colombia nel ballottaggio di domenica 19 giugno saranno il candidato della sinistra Gustavo Petro e l'imprenditore Rodolfo Hernandez ingegnere di 77 anni e candidato indipendente. Chiusi i seggi nel Paese sudamericano, dopo una giornata tranquilla.

Il vero sconfitto di questa tornata elettorale è il leader della destra Federico Gutiérrez, che ottiene solo il 24%. Petro arriva primo superando il 40%, mentre Hernández raccoglie il 28%.

Tutti i sondaggi avevano previsto la vittoria di Gustavo Petro al primo turno delle presidenziali. Hernández ha invece confermato il trend di crescita delle ultime rilevazioni.

Il grande sconfitto della giornata è quindi “Fico” Gutiérrez, che non è riuscito a raccogliere attorno al suo nome i voti della destra che storicamente ha governato il Paese. Vediamo il punto della situazione sulle elezioni in Colombia.

Elezioni Colombia 2022: si va al ballottaggio di domenica 19 giugno

Domenica 29 maggio si è tenuto il primo turno delle Elezioni Presidenziali in Colombia. Non c'è stata l'elezione diretta al primo turno di nessuno dei candidati in lizza visto che nessuno è arrivato a ottenere il 50% dei voti.  Petro, il candidato del Patto storico, se la dovrà vedere con Hernández, candidato della Lega dei governanti anticorruzione, movimento politico da lui stesso creato, che ha spodestato dal secondo posto il candidato di destra Federico “Fico” Gutiérrez, dell'Equipo por Colombia.

Si tratta di un primo turno che ha visto in vantaggio il candidato della sinistra Gustavo Petro che però non è riuscito ad essere eletto al primo turno presidente della Colombia.

Serviva infatti avere il 50% delle preferenze ma Petro insieme alla vice Francia Márquez si è fermato al 40,3% con circa 8,5 milioni di voti.

Al ballottaggio con Petro andrà la grande sorpresa di queste elezioni presidenziali in Colombia  Rodolfo Hernández, imprenditore di 77 anni, ex sindaco di Bucaramanga. Hernandez è riuscito a conquistare il 28% dei voti per un totale di circa 6  milioni di conensi.

Rimande fuori dal ballottaggio Federico Gutierrez (ex sindaco di Medellin) che è arrivato al 24% con circa 5 milioni di voti. Fico era il candidato della continuità con il presidente Iván Duque.

Quarto con un milione di voti è stato Sergio Fajardo. 

Il Piano Democrazia predisposto dal ministero dell'Interno ha comportato il dispiegamento di 300.000 uomini della polizia e delle forze armate in tutto il Paese per garantire un regolare svolgimento delle procedure di voto.

Ballottaggio Colombia 2022: gli scenari in vista del secondo turno

Il ballottaggio per le elezioni in Colombia si tiene domenica 19 giugno. Secondo diversi analisti, come riporta anche in Italia ilfattoquotidiano.it, Gustavo Petro, candidato della sinistra si trova nella situazione più sfavorevole possibile. E' al primo posto, ha ottenuto il 40% ma paradossalmente si trova di fronte il candidato più ostico possibile da affrontare.

Perchè se fosse arrivato al ballottaggio il candidato Gutierrez sarebbe stata una sfida di campagna elettorale in base ad un canovaccio ben consolidato. La sinistra si poteva porre davanti agli elettori come quella forza che puntava al cambiamento, a una grande ventata di innovazione dopo gli anni della destra.

Una destra che poteva promettere invece solo continuità con la situazione attuale. In questa situazione la sfida poteva essere decisamente polarizzata con Petro che avrebbe potuto avere gioco più facile a convincere gli elettori degli altri candidati in campo al primo turno delle presidenziali in Colombia.

Ballottaggio Colombia 2022: Rodolfo Hernandez ha sorpreso tutti

Invece al ballottaggio con il candidato della sinistra ci è arrivato Rodolfo Hernandez.

Grazie ad una campagna elettorale molto aggressiva in cui si è posto come forza antisistema, si è schierato apertamente contro la corruzione. Hernández ha raccolto milioni di voti con una campagna molto semplice, quasi tutta realizzata attraverso i social network, con pochi slogan anticorruzione e rifiutandosi di misurarsi con i suoi rivali nei dibattiti televisivi.

E grazie a questi temi che hanno avuto forte presa sull'elettorato colombiano è risalito in maniera molto rapida nei sondaggi. Al punto da superare i voti del candidato Gutierrez ottenendo un milione di voti in più rispetto a quelli del candidato in continuità con il Governo attuale.

Quindi in defintiva si scontrano al ballottaggio due candidati che sostanzialmente promettono entrambi un grande cambiamento rispetto alla situazione attuale. La necessità di arrivare ad una nuova Colombia. Una sorta di racconto parallelo del paese con molti punti che si toccano. Ora starà ai colombiani decidere se dare maggior credito al racconto che farà del paese Petro o a quello di Hernandez.

Ballottaggio Colombia 2022: l'indicazione di voto di Gutierrez

Naturalmente la situazione al momento non sembra essere favorevole a Petro nonostante il 40% di partenza sul quale può contare. Naturalmente è altamente probabile che i milioni di elettori che gli hanno dato il voto in questo primo turno tornino a dargli il voto anche in occasione del ballottaggio.

Ma che questi consensi possano aumentare al momento non sembra essere così facile. Il tetto massimo delle preferenze possibili per il candidato Petro potrebbe essere già stato raggiunto.

Anche perchè di sostegno a Petro da parte del grande sconfitto di questo primo turno non ce ne sarà di certo.

Infatti Gutierrez poco dopo avere avuto notizia definitiva dei risultati elettorali del primo turno ha dichiarato alla stampa che il suo appoggio al secondo turno andrà sicuramente a Hernandez con l'obiettivo di non fare andare il paese in mano alla sinistra.

"Voglio esprimere pubblicamente che non vogliamo perdere il Paese e che non metteremo a rischio il futuro della Colombia, delle nostre famiglie e dei nostri figli. E per questo io e Rodrigo voteremo per Rodolfo e Marelen (Torres) il prossimo 19 giugno".

Con questa dichiarazione di voto di Gutierrez aumentano quindi le possibilità di rimonta da parte del candidato outsider. Naturalmente non è possibile fare delle somme matematiche sui dati del primo turno visto che non c'è la certezza di quanti elettori si recheranno alle urne al secondo turno e di quanti realmente seguiranno le indicazioni dei loro leader ma di certo si tratta di una partita molto aperta.

Difficilmente chi al primo turno ha votato Gutierrez andrà a votare al secondo turno Petro. Occorrerà però capire quanti andranno a votare il candidato Hernandez, quanti decideranno invece di non recarsi alle urne o di andare al seggio e lasciare scheda bianca.

Colombia 2022: l'esito del ballottaggio legato alla partecipazione al voto

Come sottolinea anche nella sua approfondita analisi ilfattoquotidiano.it il tasso di partecipazione e il dato dell'astensionismo possono essere determinanti per l'esito delle elezioni. Nei paesi del Sudamerica c'è un tasso di astensionismo dal voto tendenzialmente molto elevato.

Basti pensare a titolo di esempio che il 46% della popolazione non ha votato al primo turno delle presidenziali.

Naturamente si tratta di elezioni molto importanti in un Paese in cui il ballottaggio di domenica 19 giugno dirà se per la prima volta in Colombia ci sarà un presidente di sinistra o se questo schieramento politico dovrà attendere un'altra occasione. E se sarà eletto presidente Petro o Hernandez.