Dipendente As Roma licenziata per video hard: ecco cosa è successo

Una dipendente As Roma è stata licenziata per video hard: a sottrarre il filmato dal suo smartphone e a diffonderlo è stato un calciatore.

Sta facendo molto discutere la vicenda di una dipendente dell’As Roma che è stata licenziata dopo che è stato diffuso senza il suo consenso un suo video hard che la ritrae con il fidanzato. Vediamo cosa è successo e perché la donna potrebbe essere riabilitata nonché risarcita.

Dipendente As Roma licenziata per video hard: ecco cosa è successo

Nei giorni scorsi, Il Fatto Quotidiano ha fatto emergere una faccenda che ha dell’assurdo. Una dipendente dell’As Roma di 30 anni è stata licenziata per un video hard che è stato diffuso senza il suo consenso. Nel filmato in questione, la donna appare con il fidanzato, anche lui mandato via dal club sportivo. Stando a quanto si apprende dai maggiori quotidiani, i dirigenti avrebbero deciso di licenziarla per “incompatibilità ambientale“.

Facciamo un passo indietro. Il fattaccio è accaduto qualche mese fa, quando un calciatore straniero delle giovanili ha sottratto il telefono alla dipendente dell’As Roma e si è appropriato di un video hard in cui la donna era in intimità con il fidanzato, anch’egli assunto dal club. Il filmato, come accade in tutti gli ambienti maschili rimasti ancora ai tempi della pietra, ha fatto il giro del centro sportivo.

A novembre scorso, quando l’As Roma ha scoperto l’accaduto, su richiesta del gm Tiago Pinto e del responsabile del vivaio Gianluca Gombar, ha mandato via sia la dipendente che il fidanzato. La donna avrebbe ricevuto la seguente lettera di licenziamento:

È stato portato all’attenzione della Direzione Risorse Umane e dei vertici aziendali un video che inconfondibilmente La ritrae nel compimento di atti sessuali. Purtroppo, ci risulta che tale video sia stato visionato da gran parte del personale e dei giocatori della società. (…) incompatibilità della prosecuzione del Suo rapporto di lavoro con il sereno e regolare andamento dell’attività della Società.

As Roma: la dipendente licenziata chiede riassunzione e risarcimento

Stando a quanto sostengono i maggiori quotidiani, la dipendente dell’As Roma non è stata licenziata per la diffusione del video, ma perché all’interno del filmato sono presenti dei “discorsi che violano l’etica professionale“. Pertanto, i vertici del club sportivo non avrebbero avuto alcuna volontà discriminatoria nei riguardi della 30enne.

La donna, assistita dall’avvocato Francesco Bronzini, chiederà un risarcimento danni al giovane calciatore, che tra l’altro avrebbe ammesso le proprie colpe davanti ad alcuni dirigenti del club, e l’immediata riassunzione. Inoltre, se volesse farsi valere ancor di più, potrebbe sporgere una denuncia per revenge porn.

Il quadro, anche con questi pochi elementi, appare chiaro. L’As Roma, piuttosto che punire il calciatore che ha sottratto il telefono alla dipendente e si è macchiato di un gesto ignobile, ha preferito mettere alla porta una donna. Come al solito, la vittima passa quasi per colpevole e l’orco viene scagionato con una pacca sulla spalla.

Possibile che nel 2024 si debba assistere ancora a situazioni di questo tipo? Tra l’altro è emerso che il calciatore avrebbe chiesto il telefono alla dipendente con la scusa di dover chiamare il suo procuratore. Quando si è ritrovato con lo smartphone tra le mani ha passato al vaglio i video e si è appropriato del contenuto che più ha attirato la sua attenzione. Come se non bastasse, lo ha inviato ai compagni di squadra che, a loro volta, l’hanno girato agli altri membri del centro sportivo.

In tutto ciò, la donna è stata ripagata con una lettera di licenziamento e un’indennità per mancato preavviso. Al momento, l’As Roma non ha ancora chiarito la faccenda.

Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi
Copywriter, classe 1985. Laureata in Scienze Storiche presso l'Università La Sapienza di Roma, con una seconda laurea in Scienze Religiose alla Pontificia Università Lateranense, ho una passione per la scrittura e la lettura. Ideatrice di un blog dedicato ai libri, il mio motto è πάντα ῥεῖ, tutto scorre.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate