Matteo Salvini: “Chiederò per la Lega il ministero per la Famiglia e la Natalità”

Verso il nuovo Governo. Matteo Salvini: “Chiederò per la Lega il ministero per la Famiglia e la Natalità”. Enrico Letta: "L'opposizione farà bene al Pd". Le notizie politiche.

Image

Giorgia Meloni è sempre al lavoro per definire la squadra del nuovo Governo ed essere pronta non appena le verrà conferito l'incarico dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Meloni ha avuto anche contatti con il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Meloni in questi giorni vedrà di nuovo i leader della Lega Matteo Salvini e di Forza Italia Silvio Berlusconi.

Intanto Matteo Salvini afferma in un'incontro riservato ai militanti a Saronno che chiederà per la Lega il ministero che verrà attivato per la Famiglia e la Natalità. Infine c'è da registrare l'intervento del commissario europeo Paolo Gentiloni sul PNRR e sul tetto al prezzo del gas. Ecco le notizie politiche della mattinata. 

Matteo Salvini: ”Chiederemo per la Lega il ministero della Famiglia e della Natalità”

Matteo Salvini segretario della Lega ha tenuto diversi incontri in Lombardia. In primis con il ministro dello Sviluppo Economico del Governo Draghi Giancarlo Giorgetti e con il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.

Matteo Salvini poi in un incontro riservato ai militanti a Saronno ha informato che in merito alla formazione del Governo la Lega chiede gli Affari Regionali e il ministero della Famiglia e dellla Natalità.

Intanto sembra sempre più probabile un passo di lato di Salvini rispetto a suo ritorno al Viminale nel nuovo governo di centrodestra, con la possibilità di approdare al Ministero delle Infrastrutture. 

Il senatore Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega a palazzo Madama nella scorsa legislatura, parlando coi giornalisti al termine della lunga assemblea ha sottolineato che "quello che si aspetta la gente, in generale, è che il governo sia più politico possibile perché il voto è stato molto emblematico, andava nella direzione che la gente vuole che la politica si prenda le proprie responsabilità". 

Con questo governo si spera di concretizzare i progetti che in Parlamento abbiamo più volte sostenuto, cercando di seguire l’esempio delle politiche del Trentino Alto Adige, la Regione che ha l’indice di natalità più alto.

Matteo Salvini: ”In ogni caso è stato meglio starci al governo per fare le cose possibili”

Sempre nell'incontro di Saronno Matteo Salvini si è confrontato soprattutto con l'ala nordista che sottolinea come la Lega dovrebbe tornare maggiormente ad occuparsi - come in origine - delle problematiche dei territori del Nord. Una linea decisamente diversa da quella tenuta da Salvini in questi anni che ha trasformato il partito in una forza politica diffusa su tutto il territorio nazionale.

Ad ascoltarlo anche Attilio Fontana (cui Salvini avrebbe confermato essere il candidato per la Regione) e Giancarlo Giorgetti.

Salvini avrebbe anche analizzato l'ultimo anno e mezzo e parlando dell'impegno leghista al governo, ha spiegato che "in ogni caso è stato meglio starci al governo per fare le cose possibili". 

Partito Democratico, Enrico Letta: ”Stare all'opposizione ci farà bene”

Ieri si è tenuta la direzione nazionale del Partito Democratico che ha fissato le tappe che porteranno il Pd a congresso. In conclusione della serata Enrico Letta ha twittato le seguenti parole:

L’opposizione ci farà bene. Il Partito Democratico si rigenererà all’opposizione.

Intanto prende il via la corsa per la segreteria del Partito Democratico. Un candidato sembrerebbe già essere in pista e dovrebbe essere Stefano Bonaccini presidente della Regione Emilia Romagna. Sale anche la possibilità che uno dei candidati possa essere il primo cittadino di Firenze Dario Nardella.

Il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni: "Le posizioni dei Paesi sul price cap si avvicinano"

Intanto da registrare le parole di Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia. Gentiloni è intervenuto a Radio Anch'io e ha sottolineato che le posizioni dei paesi sul Price Cap si stanno avvicinando. 

”Sul tetto al prezzo del gas - ha detto Gentiloni - ci sono interessi diversi e ci sono ancora posizioni diverse tra gli Stati membri. Credo che si stiano avvicinando, ci abbiamo messo un po’ di tempo anche quando ci fu la crisi della pandemia. Penso che sia giunto il momento che questa divergenza tra chi chiede il tetto al prezzo del gas e chi teme che questo tetto provochi un problema di forniture è andata ormai avanti troppo a lungo, e credo che la Commissione europea sia ormai pronta a fare una proposta”.

Gentiloni interpellato su possibili scontri tra Draghi e Meloni sul PNRR: "Non so se ci sia uno scontro, non mi pare"

Naturalmente Gentiloni ha parlato del PNRR e della polemica legata al fatto che ci siano ritardi o no nella progettazione del nostro paese. Rispondendo a una domanda sul presunto scontro tra la leader di Fdi, Giorgia Meloni, e il presidente del Consiglio, Mario Draghi ha risposto così.

”Non so se ci sia uno scontro, - ha detto Gentiloni - non mi pare. L’Italia ha fin qui raggiunto gli obiettivi che doveva raggiungere nei tempi previsti. È uno dei due Paesi per i quali la Commissione ha già dato parere favorevole alla seconda erogazione, l’altro è la Spagna. Fin qui i tempi sono stati rispettati ma è una corsa contro il tempo che deve continuare. L’urgenza c’è, ma non ci sono ritardi al momento”.