Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, ha preso parte appena dopo Giuseppe Conte alla trasmissione dimartedì di Giovanni Floris. Enrico Letta ha sottolineato che la partita è ancora aperta e che il centrosinistra può vincere. Occorre convincere "i tanti indecisi a fidarsi del Pd". Attacchi a Giorgia Meloni e frecciate al leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte. Ecco le sue parole.

Elezioni Politiche 2022, Letta: "Conte mi è sembrato uno che ce l'ha con Draghi"

A domanda specifica di Giovanni Floris che gli chiedeva un'impressione su Giuseppe Conte, Letta ha evidenziato che mi è sembrato una persona "determinata e mi è sembrato uno che ce l'ha con Draghi. Ha detto tutto quello che teneva dentro".

"Dobbiamo pensare che in questo momento - ragiona Letta - se fosse rimasto in carica il Governo Draghi parleremmo già della Legge di Bilancio con provvedimenti strutturali da mettere nella legge contro il Caro Bollette. Se si fosse votato come era previsto a maggio 2023. Avremmo potuto completare la legislatura, pensate solo che tanti fuori sede non potranno andare a votare". 

Draghi il 20 luglio ha lanciato un'agenda sociale: salario minimo, interventi per i giovani. E' saltato il salario minimo perchè Berlusconi, Conte e Salvini hanno fatto cadere il Governo. Ci rendiamo conto di quanto è stata grave questa scelta? 

"Conte ha governato in questi anni con chiunque - dice Letta -. Noi presentiamo agli elettori una cosa che abbia una sua coerenza. Hanno deciso di fare cadere Draghi, è stata gravissima questa cosa".

Elezioni Politiche 2022, Letta: "Esterrefatto dalle parole di Giorgia Meloni"

Enrico Letta nel corso della giornata aveva rilasciato la seguente dichiarazione:

Sono rimasto esterrefatto dalle parole di Giorgia Meloni a commento della visita a Berlino e delle discussioni avute con il cancelliere tedesco nelle quali ho affrontato i temi degli interessi del nostro Paese sull’abbassamento delle bollette e sui costi dell’energia. Le polemiche di ieri sulla mia visita sono tutte fuori posto, figlie di una idea autarchica e provinciale dell’Italia, sbagliata, che non difende gli interessi dell’Italia che si difendono insieme all’Europa”.

In serata ha rincarato la dose: 

Meloni sceglie Orban al Parlamento Europeo, ha preso posizioni nettissime, leggo in questi giorni nelle sue dichiarazioni toni antieuropei inattesi. Meloni - evidenzia Letta - fa un appello che cresca Vox in Spagna. Vox partito di estrema destra in Spagna non è alleato strutturale del Partito Popolare, ha le stesse idee di Meloni sul concetto di "Dio Patria Famiglia" concetto che è la base di tanti arretramenti di diritti della nostra società.

"Io spero che Vox non abbia successo in Spagna, sarebbe un pessimo messaggio per l’Europa”, chiude sul tema Letta.

Elezioni Politiche 2022, Letta: "Differenza abissale con la destra sul tema dei diritti"

Alla domanda di Floris se ritiene pericolosa una potenziale vittoria di Giorgia Meloni:

"Sì è pericolosa, il tema dei diritti è a rischio, c'è una differenza abissale tra quello che pensano loro e noi. E sull'ambiente allo stesso modo".

Letta ci crede e suona la carica:

Possono fare tanto gli elettori, bastano 4-5 punti che ballano e noi siamo in grado di vincere le elezioni. Nei collegi uninominali la sfida è tra noi e la destra, chi vota per altri partiti aiuta la destra.

"Tutti i sondaggi dicono che gli indecisi sono al 40-45%. Questo vuol dire che quando incontriamo due persone, una delle due non vota e va convinta a fidarsi del Pd. Bisogna guardarli negli occhi. Bisogna convincere le persone che noi abbiamo un'idea di Paese per i prossimi cinque anni. E non è vero che dopo le elezioni chi vince non sarà in grado di governare - dice - con questa legge elettorale chi vincerà, o noi o la destra, avrà una maggioranza molto ampia e potrà cambiare il Paese".

"La destra ci ha portato l'Italia quasi alla bancarotta nel 2011. Noi non permettiamo che capiti di nuovo. Noi non consentiremo che questo avverrà".

Elezioni Politiche 2022, Letta: "Anche io ho avuto i miei contestatori, non sopporto che da destra facciano sempre le vittime per qualcosa"

A Letta vengono mostrate le immagini relative ad alcunte contestazioni e scontri avvenuti a Palermo ad un comizio della leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

Letta risponde così:

Anche nel mio comizio a Napoli avevo miei contestatori mentre tenevo il discorso. Ne ho incontrata una delegazione. Era gente che contestava il mio discorso, ognuno ha i suoi contestatori. Non sopporto che della destra facciano sempre le vittime per qualche cosa. Occorre assumersi responsabilità. E' il momento della responsabilità e Meloni tra parentesi non ha ancora chiesto scusa per il video postato sullo stupro di Piacenza.

Elezioni Politiche 2022, Letta: "Sempre dalla parte degli aggrediti"

Infine capitolo politica internazionale con il presidente russo Vladimir Putin che ha proclamato referendum per l'annessione dei territori: 

"Molto grave, chiude Letta, è una scelta che conferma la volontà bellicistica. Ha fatto bene l'Italia a stare sempre dalla parte degli aggrediti".