Il segretario del Partito Democratico Enrico Letta chiuderà oggi pomeriggio, venerdì 23 settembre, alle 18 la campagna elettorale del Pd parlando in piazza del Popolo a Roma.

Ventiquattro ore dopo la chiusura della campagna elettorale del centrodestra, il Pd raduna il suo popolo per l'atto conclusivo. Letta ha rilasciato nelle ultime ore un'intervista al Corriere della Sera e ha parlato nello speciale Porta a Porta con Bruno Vespa. Ecco i suoi passaggi più importanti. Il dettaglio.

Elezioni Politiche 2022, Enrico Letta: ”Dalle elezioni mi aspetto uno scatto dell'Italia democratica e progressista”

Enrico Letta nel colloquio con il Corriere della Sera risponde in maniera esplicita alle parole di Giorgia Meloni nella manifestazione di chiusura della campagna elettorale del centrodestra. Letta ha detto che dal voto si aspetta:

uno scatto potente e fiero dell’Italia democratica, progressista ed europeista. Non c’è un destino già scritto, il Paese non si consegnerà a una destra estrema che vuole stravolgere la Costituzione con il presidenzialismo e che dà perfino ragione ai no vax. In piazza del Popolo è caduta l’ennesima maschera: vogliono stravolgere la Carta, anche da soli. E non ne fanno mistero. Glielo impediremo. Girando l’Italia, ho sentito una voglia fortissima di solidarietà e una reazione ferma al rischio di uno scivolamento nel peggiore sovranismo populista.

Elezioni Politiche 2022, Enrico Letta: ”Serve una svolta sul lavoro che fermi le fughe dei giovani verso l'estero”

Noi - afferma Letta - proponiamo una svolta sul lavoro, che fermi le fughe verso l’estero, che la faccia finita con finti stage non pagati. Noi proponiamo una detassazione totale per l’assunzione dei più giovani e aiuti per la prima casa.

"Abbiamo puntato molto sull'ambiente. I disastri della Marmolada, la siccità, l’alluvione nelle Marche, ci dicono che è un tema di portata enorme. Il silenzio sull’ambiente è grave, interrotto solo da sciocche ironie sull’uso del bus elettrico in campagna elettorale, simbolo di una mobilità sostenibile. Dell’ambiente ci siamo occupati solo noi e i Verdi. Meloni e Salvini tacciono, il loro è negazionismo climatico puro".

E con Bruno Vespa è tornato sul tanto discusso contributo per i diciottenni:

In quella misura – spiega Letta - c'è la voglia di dire ai giovani di mettersi in proprio, diamo un aiuto per fare un pezzo di scuola e di università. Ho fatto un video per i diciottenni: andate a votare, sento troppi ragazzi che dicono è troppo complesso.

"Mi dispiace che fuori dal nostro paese abbiano uno stipendio vero, da noi sono sempre stage, tirocini gratuiti. Queste sono parole che infastidicono, va dato un lavoro vero per mettere su casa e non stare fino a 30 anni a casa dai genitori. Nessuna patrimoniale: è un contributo degli iper milionari sulle successioni sopra i 5 milioni”.

Elezioni Politiche 2022, Enrico Letta a Bruno Vespa: ”Fare cadere Draghi è stato un disastro per il paese”

A Bruno Vespa che gli chiede in merito alla rottura col Movimento 5 Stelle, Letta risponde:

”Il Movimento 5 Stelle ha deciso di fare cadere Draghi, non mi sembra poco. E' moltissimo, se i questi giorni il Governo Draghi fosse in funzione nel pieno dei suoi  poteri, interverrebbe per la crisi energetica, si parlerebbe di riduzione delle tasse sul lavoro, il salario minimo sarebbe nella Legge di Bilancio. Ci trovavamo con un beneficio importante, una mensilità in più. Ci troviamo invece in una campagna elettorale brutta, divisiva e abbiamo perso Draghi. E' stato un danno molto grave, noi siamo sempre stati a sostegno di questa esperienza di Governo e ora dobbiamo guardare avanti con le nostre idee e i nostri progetti”.

Elezioni 2022, Enrico Letta: ”Emergenza bollette si risolve con il disaccoppiamento del costo del gas da quello delle energie rinnovabili”

Sul ”Caro Bollette” Enrico Letta spiega che "il Governo è intervenuto dopo l'impennata dell'ultimo mese. Lunedì sono stato a Berlino e ho incontrato il cancelliere tedesco. Sono andato lì perchè la settimana prossima c'è il consiglio europeo, sono andato a dire a uno dei protagonisti quella che secondo me è la soluzione e l'ho trovato ricettivo".

Lo scostamento di bilancio lo vedo solo come extrema ratio perchè è fare debito. Se non si abbassa il prezzo delle bollette non si abbassa la speculazione, se si fa altro debito si danno altri soldi alla speculazione. Occorre disaccoppiare il costo del gas dal costo delle energie rinnovabili. Quello tira giù buona parte delle bollette. Italia può farlo anche da sola se Europa non arriva. 

Elezioni 2022, la posizione di Letta sul Reddito di Cittadinanza: ”Parte dell'incentivo al lavoro deve essere fatta meglio”

Interpellato da Vespa sul Reddito di Cittadinanza Letta ha così risposto: ”Obiettivo di contrastare tutto ciò che è povertà deve rimanere, la parte dell'incentivo al lavoro deve essere fatta meglio. Servono più politiche attive per il lavoro”.

Elezioni Politiche 2022, Enrico Letta e la politica estera: ”Idea di Meloni e Salvini è distruggere l'Europa”

Infine la politica estera e le collocazioni europee del nostro paese:


"L’idea di Meloni e Salvini è quella di disfare l’Europa – spiega Letta al Corriere della Sera -. Si accodano a Le Pen, a Orbán, a Vox. Vogliono un continente dominato da un ritorno dei nazionalismi e dai veti, rifiutano la federazione e le scelte a maggioranza: così l’Europa va in frantumi e si espone ad ingerenze straniere. La Russia ha alzato il livello della sfida, serve reagire uniti e non illudersi che sia meglio decidere sulla base delle convenienze. Putin è felice se si affermano i distinguo di Salvini e Berlusconi. E anche l’atlantismo di Meloni fa acqua, se con l’altra mano indebolisce l’Europa. Disaggregarla è il sogno di Putin”.