Questo fantastico Governo dei migliori ormai non ci meraviglia più. Ci ha abituati da tempo alle fake news, vero? Nessun fact checker che blocchi le menzogne e le fake news venute direttamente dalla bocca di Mr. Draghi, di Mr. Speranza, di Mr. Di Maio, e dei loro accoliti del CTS.

Fare l'elenco è piagante, svilente, ma per amore di verità, ne vogliamo ricordare giusto qualcuna; anche perché Draghi non ha mai parlato molto in pubblico, come invece faceva Giuseppe Conte, ma ogni volta che ha parlato ha sparato un paio di potentissime fake news che, solo perché sono uscite dalla sua bocca, sono diventate automaticamente verità.

Ma una menzogna non può diventare mai verità, indipendentemente da chi la pronuncia, e prima o poi quest'ultima viene sempre a galla. E grazie a Dio, nell'era di Internet, niente può essere dimenticato e niente può essere rimangiato, anche se molti ci stanno già provando (Vedi il virostar, indossatore, e non so che altro, Bassetti).

Facciamo una carrellata delle fake news più famose pronunciate da Mario Draghi: quelle sulla vaccinazione

A memoria mi pare che il carissimo Premier, Presidente, Sua Maestà, il migliore, Super Mario Draghi abbia detto le seguenti Fake News in diretta nazionale, ovvero in conferenza stampa:

«L’appello a non vaccinarsi è un appello a morire, sostanzialmente. Non ti vaccini, ti ammali, muori. Oppure fai morire: non ti vaccini, ti ammali, contagi, qualcuno muore», ve la ricordate questa tremenda, quanto gravissima affermazione fatta a dicembre in conferenza stampa? Come la si può dimenticare!

  • Primo: l'appello a non vaccinarsi non c'è mai stato, se mai c'è sempre stato un appello a lasciare il popolo libero di decidere. Prima fake news.
  • "Non ti vaccini, ti ammali, muori", assunto assolutamente falso! Chi mai ha confermato scientificamente che se non ti vaccini e ti ammali di Covid, automaticamente muori?? Chi ha dato a Draghi questa convinzione ineluttabile della morte? Una balla enorme, a chiarirlo sono i dati e il buon senso. Seconda fake news!
  • "Non ti vaccini, ti ammali, contagi, qualcuno muore"... wow, quante fake news in una frase: questa frase dà per certo che chi non si vaccina si ammali, terza fake news, che contagi (ma contagiano anche i vaccinati) quarta fake news e, dulcis in fundo "qualcuno muore". Quinta e gravissima fake news.

Signor Draghi, il Covid ha una mortalità dello 0.3%, ciò significa che la gran parte di coloro che si sono ammalati, anche prima del vaccino, non sono morti. Non é il vaiolo, che ha il 30% di mortalità. 

Le fake news di Super Mario Draghi sul Green Pass

"Il green pass ti dà la garanzia di stare in luoghi sicuri, tra persone con le quali non puoi infettarti"; Questa credo che sia stata la balla più grossa sparata in diretta nazionale dal nostro carissimo e magnanimo Premier Draghi.

Dobbiamo spiegare perché è una fake news? Semplicemente perché il green pass non ha base scientifica, perché non è vero che ti dà la certezza di essere in luoghi sicuri, perché i vaccinati si ammalano, prendono il virus e lo trasmettono ad altri, in quanto questo vaccino non è immunizzante.

Praticamente il premier ha fatto credere ai cittadini che i vaccinati non possano contagiare gli altri e questa enorme, stratosferica, balla non si basa su alcuna evidenza scientifica. Al contrario, numerose notizie di cronaca provenienti dai Paesi con alto tasso di vaccinazione (come Regno Unito, Malta, Olanda e Israele), sembrerebbero smentire questa affermazione. E la stessa Italia ora, è la prova vivente che il green pass non è servito a nulla se non a ricattare gli italiani.

Inoltre, 15 Paesi con meno vaccinati in Europa, dall’Ucraina alla Slovenia, non registrano alcuna crescita della curva dei nuovi positivi che risulta vicina ai minimi dell’anno.

Nei luoghi con tutti vaccinati si è abbassata ancora di più la guardia, proprio perché si è creduto a questa enorme, fantomatica, colossale fake news firmata Mario Draghi.

La verità però ce l'ha detta Sileri, in un moto di sincerità mista a cattiveria, rivolgendosi ai no vax (la maggior parte dei quali hanno un libretto vaccinale completo di ogni vaccinazione ma, avendo fatto il madornale errore di rifiutare questo trattamento, sono stati catalogati tra no-vax, terrapiattisti, complottisti, negazionisti e altri aggettivi che finiscono per "isti"), disse  vi renderemo la vita difficile". Grazie Ministro, lei sì che, essendo anche un medico, è davvero molto umano.

La verità l'ha detta anche Crisanti, quando più e più volte si è sgolato dicendo che il green pass non ha alcuna valenza scientifica e che è servito solo per "costringere" (ricattare, obbligare) le persone a vaccinarsi".  Ottenendo uno scarsissimo successo, perché ormai di prime vaccinazioni non c'è n'è quasi più.

Lo zoccolo duro di coloro che ormai sono due anni che hanno deciso che non si fidano di questo pseudo-vaccino che non immunizza, che non impedisce la malattia,  e in alcuni casi non impedisce nemmeno il ricovero e se va male, causa anche eventi avversi molto gravi, ai quali è stato tolto di tutto: diritti, libertà, stipendio, dignità, a questo punto della storia non si fanno certamente convincere più da nulla!

Lo comprende caro ministro Roberto Speranza che ancora dichiara che "vanno convinti i non vaccinati"? Ancora? Ma non si è stancato?

Altra colossale fake news del Governo Draghi riguarda il green pass e i profughi ucraini

Un'altra colossale bufala è quella che riguarda i profughi ucraini. Come abbiamo detto altre volte, l'Ucraina ha uno dei più bassi tassi di vaccinazione, con poco più del 20% di vaccinati e quasi l'80% di non vaccinati.

Si presume che in questi ultimi giorni siano arrivati e stiano arrivando, dunque orde di no vax, gli stessi no vax ai quali avevate augurate la morte fino all'altro giorno. Ma siete pronti ad accogliere questi no vax con le bandierine arcobaleno, giusto? Perché è ovviamente sacrosanto aiutare chi ha bisogno. Ma sono no vax? Non importa perché il Governo vi ha assicurato che li vaccineranno tutti.

Sbagliato! Fake news! Gli ucraini non vogliono essere vaccinati e saranno liberi di non farlo. Sì avete capito bene, loro saranno liberi di non farlo e non avranno nemmeno l'obbligo di green pass. 

Questa affermazione non la sto facendo io, ma l'ha fatta il sottosegretario alla Salute Sileri, lo stesso che rivolgendosi alle telecamere aveva dichiarato ai non vaccinati "vi renderemo la vita difficile!", ma tranquilli, Sileri si stava riferendo solo ai no vax italiani. 

Il sottosegretario alla Salute Sileri ha fatto sapere che non sarà richiesto il Green Pass ai profughi: "Lo status di rifugiato consente l'accesso alla nostra sanità, oggi o domani uscirà la circolare nostro ministero, verranno fatte tutte le procedure, compreso il tampone per chi arriva e verrà offerta loro la possibilità di vaccinazione", ha detto a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora.

Avete letto bene???? "Sarà offerta loro LA POSSIBILITA' di vaccinazione", com'è giusto che sia. Si offre una possibilità e si lascia libera scelta. Perché non si è fatto così anche con gli italiani?

Ultima colossale fake news sull'eliminazione del Green Pass

Ma torniamo alla fake news sul green pass eliminato. Il green pass non sarà eliminato (tranne all'aperto e fino alla quinta ondata di Covid della quale stanno ampiamente già parlando e ci stanno già preparando), ma sarà sostituito dal tampone, sempre a pagamento e sempre a spese di chi dovrà effettuarlo per: lavorare, andare al cinema, andare nei musei, andare in discoteca, andare in un ristorante al chiuso eccetera, eccetera. 

Lo spiego dettagliatamente in questo articolo in cui chiamo, giustamente, questo periodo una "lentissima agonia". Quello che è stato fatto passare per un cronoprogramma (che troverete descritto in questo dettagliato articolo della mia collega Deborah Bertolino) e per una eliminazione graduale del green pass non è altro che una sostituzione: il super green pass (quello rilasciato a vaccinati e guariti) sarà sostituito dal green pass base (quello ottenibile con i tamponi). Tutto qua. A meno che non ci si trovi all'aperto. Solo all'aperto è stato eliminato del tutto il green pass. Tutto questo fino a quando non arriverà la quinta ondata di Covid della quale si sta già parlando.

Stato d'emergenza finito solo in teoria

Infatti Draghi, che oltre ad un produttore seriale di fake news, è anche un veggente, in vista proprio dell'autunno ha deciso di non smantellare completamente tutto il bellissimo sistema dello stato d'emergenza. Che significa? Ma lo stato d'emergenza non scade il 31 marzo? Sì, certo. Sempre in teoria, però.

Immaginiamo che lo stato d'emergenza sia un appartamento tutto arredato e completo. Il Governo Draghi dopo il 31 marzo che fa? Toglie qualche soprammobile, qualche inutile orpello e arredamento, ma lascia intatta la struttura, conserva la proprietà dell'appartamento, lascia l'arredamento fondamentale. Perché nel momento in cui si sarà bisogno di nuovo di quella casa, aggiungendo solo qualcosa, sarà possibile riutilizzarla. Pronti a intervenire in caso di recrudescenze, dice Draghi. 

Ecco, una cosa molto simile è stata fatta per lo stato d'emergenza. 

Non scade, viene solo messo un attimo in stand by. Ma sta lì pronto a riprendere vigore con il suo fantastico CTS, ai primi accenni di raffreddore dell'autunno.

In fondo Mattarella lo aveva detto che avremmo dovuto dimenticarci la normalità come l'abbiamo vissuta sino a prima della pandemia.

Concludo con un mio personalissimo consiglio: chi può e ha le possibilità, scappi a gambe levate da questo paese in declino, in svendita, in liquidazione, senza più un briciolo di democrazia e costituzionalità.