Incoronazione Carlo III, svelata la data. Quando e come sarà la cerimonia ufficiale

Dopo la morte della regina più amata di sempre, è il momento del suo successore: adesso è nota la data dell'incoronazione ufficiale di re Carlo, che vedremo in mondovisione.

Image

Carlo, figlio della fu Regina Elisabetta II di Inghilterrà, è già Re Carlo III. Ma manca solo l'ultimo atto per diventarlo a tutti gli effetti: la sua incoronazione.

E' ormai ufficiale la data della sua incoronazione, ultima fase del processo di transizione iniziato l'8 settembre, giorno della morte dell'amatissima Regina Madre. Sono passati 28 giorni dall'inizio di questo processo, che ha avuto come momenti clou il fastoso funerale della Regina, seguita in tutto il mondo da oltre 4 miliardi di persone, e la firma dell'atto di proclamazione di Carlo come nuovo Re d'Inghilterra.

E inevitabilmente anche l'incoronazione di Re Carlo III entrerà in questa lista, anche perché la stessa cerimonia sarà molto particolare. Ma intanto facciamo il punto della situazione sulla data ufficiale.

Incoronazione Carlo III, svelata la data. Quando sarà la cerimonia ufficiale

Stando a quanto riportato da alcune fonti anonime del Palazzo Reale a Bloomberg, la data ufficiale dell'incoronazione di Re Carlo III sarà il 3 giugno 2023.

Una data lontana, praticamente tra 9 mesi, ma inevitabile se si vuole seguire la tradizione. Anche sua madre, Elisabetta II, è stata incoronata il 3 giugno dell'anno dopo.

Alla morte del nonno di Carlo, Re Giorgio VI, avvenuta il 6 febbraio 1952, Elisabetta divenne subito Regina, perché la norma prevede l'immediata nomina regale subito dopo il decesso del precedente monarca. Ma per prassi dovette aspettare il 2 giugno 1953, anche se si trattava di oltre un anno di distanza dalla sua proclamazione.

Il motivo dietro a questa data è puramente discrezionale. Essendo l'incoronazione un'occasione gioiosa, sarebbe inappropriato tenerla in pieno lutto. Pertanto si cerca di avere sufficiente tempo per completare tutti i preparativi richiesti.

Infatti, per l'incoronazione di Elisabetta II, quei 15 mesi di attesa furono più che sufficienti, dal momento che per i preparativi della cerimonia servirono solo 5 mesi.

Anche nel caso di Re Carlo III sembra che la stessa cerimonia sarà completamente diversa da quella della fu Regina Madre.

Incoronazione Carlo III, come sarà la cerimonia ufficiale

Successiva alla sua proclamazione, l'incoronazione di Re Carlo III dovrebbe avvenire secondo quanto già fatto per quella di Elisabetta II, con una solenne cerimonia presso l'abbazia di Westminster. Re Carlo III farà il suo ingresso con indosso la Crimson Surcoat e la Robe of State of Crimson Velvet.

Prenderà posto sul trono, e a seguito si sposteranno rispettivamente a Est, Sud, Ovest e Nord dell'abbazia i seguenti notabili.

  • il Garter Principal King of Arms
  • l'arcivescovo di Canterbury
  • il Lord cancelliere
  • il Lord Gran Ciambellano
  • il Lord Gran Conestabile
  • il Conte Maresciallo

L'arcivescono chiederà la ricognizione del sovrano al suo popolo, e dopo la sua acclamazione popolare da ciascun lato, l'arcivescono procederà col giuramento nei confronti delle leggi del Regno, della Chiesa d'Inghilterra, e di Dio.

Concluso il giuramento, l'arcivescovo presenterà una versione della Bibbia di Re Giacomo al monarca incoronato. Presentata la Bibba, verrà celebrata l'eucaristia. Da qui in poi scatta l'Unzione.

Re Carlo III dovrà togliersi la Crimson Robe e procedere verso il trono dell'incoronazione. Sedutosi, verrà unto con gli Oli Santi dai quattro cavalieri dell'Ordine della Giarrettiera. 

Poi, dopo il Deus Deus, Dei Filius, scatterà l'Investitura.

Ora il sovrano avrà la Colobium Sindonis, dal Lord Gran Ciambellano gli speroni, e dall'Arcivescovo la spada di Stato. E a seguire il Globo d'Oro, uno dei più importanti gioielli della Corona, assieme all'Anello della Nazione, simbolo del suo "matrimonio" col Regno, e allo Scettro del Sovrano con la Colomba.

E infine la Corona di Sant'Edorardo, che l'arcivescovo eleverà al cielo. In quel momento, tutti dovranno gridare "God save the King", Dio salvi il re.

Una volta conclusa l'incoronazione e l'intronizzazione, in cui tutti i collegiali e i pari renderanno omaggio al monarca e alla consorte, ci sarà una processione finale. Re Carlo III andrà verso la Cappella di Sant'Edoardo, dentro l'abbazia stessa, e lì lascerà tutte le sue regalie.

Al posto dei suoi attuali vestali, indosserà la Imperial Robe of Purple Velvet.

E tutti i presenti intoneranno l'inno nazionale.

Questo è quanto previsto dalla tradizione, ma sembrerebbe che Re Carlo III sia più propenso ad un'incoronazione più breve, più piccola e meno costosa rispetto a quelle precedenti. Vuole inoltre che l'incoronazione rifletti "la diversità della Gran Bretagna moderna e rappresenti comunità e fedi diverse che risiedono nel Regno Unito". 

Leggi anche: Quanto valgono i gioielli della regina Elisabetta e dove sono custoditi

Incoronazione Re Carlo III: alcune curiosità sulla cerimonia

Re Carlo III risulterà il 3 giugno 2023 il 40esimo monarca ad essere incoronato nell'Abbazia di Westminster, ben 957 anni dopo la prima incoronazione, quella di Guglielmo il Conquistatore. E precisamente 70 anni dall'incoronazione della madre Elisabetta II.

E' stato scelto il 3 giugno anche perché sarà il fulcro dei giorni di festa di Trooping the Colour, che si svolgono sempre a inizio giugno.

E in merito alla cerimonia, molte sono le curiosità legate ad essa.

Come l'Unzione: il rito è celato al pubblico fin dagli albori, nemmeno la diretta televisiva dell'incoronazione di Elisabetta II 1953 l'ha riportata. Si sa solo che l'arcivescovo, con un cucchiaio, ungerà il monarca col Segno della Croce su mani, testa e cuore .

A seguire, la stessa Corona è praticamente un gioiello unico al mondo. Pesa più di 2 kili, ed è ornato da 444 pietre dure tra cui:

  • 277 perle, 
  • 18 zaffiri, 
  • 11 smeraldi,
  • 5 rubini.

Il gioielliere reale dovrà modificarla in conformità con la testa del nuovo monarca, per poi ripulirla. Il laboratorio sarà presieduto per tre interi mesi da delle sentinelle speciali.