Massimo Bossetti è innocente o colpevole? La Cassazione potrebbe cambiare idea

Una nuova prova, a patto che la Cassazione conceda l'ok, potrebbe stabilire se Massimo Bossetti è davvero innocente o colpevole.

Fin dal suo arresto per l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio, Massimo Bossetti si è sempre dichiarato innocente. Eppure, i giudici lo hanno ritenuto colpevole basandosi sull’analisi di alcuni reperti e sulla conseguente comparazione con il suo Dna. Prossimamente, però, le cose potrebbero cambiare. Vediamo come e perché.

Massimo Bossetti è innocente o colpevole? La prova dei reperti

In questi 13 anni, ossia dal giorno della sua condanna per l’omicidio di Yara Gambirasio, su Massimo Bossetti ne sono state dette tante. Per qualcuno è assolutamente colpevole, mentre per altri è innocente. Qual è la verità? Dare una risposta certa è difficile, specialmente alla luce del fantasma che aleggia sulla prova dei reperti. Facciamo un passo indietro.

Bossetti è stato arrestato e condannato all’ergastolo dopo l’analisi del Dna estrapolato dagli slip e dai pantaloni di Yara. Gli avvocati del presunto omicida, però, non hanno mai avuto modo di visionare ed esaminare tali reperti. Adesso, a distanza di 13 anni dalla sua condanna, i legali hanno nuovamente chiesto di poter testare la prova che è costata l’ergastolo al loro assistito. A decidere sarà la Cassazione. Nel frattempo, l’avvocato Claudio Salvagni, ospite dell’ultima puntata di Crimini e criminologia in onda su Cusano Italia Tv, ha dichiarato:

Abbiamo sempre chiesto, durante il processo, fin dall’udienza preliminare, che questo esame del Dna fosse svolto in contraddittorio proprio per consentire alla difesa di dimostrare che quei risultati erano sbagliati e che il Dna di ‘Ignoto 1’ non è il Dna di Massimo Bossetti. Purtroppo questo non ci è stato mai consentito. Poi però ogni nostra richiesta sulle modalità operative, cioè su come procedere per l’analisi, è sempre stata dichiarata inammissibile dalla Corte d’Assise di Bergamo

Massimo Bossetti continua a dichiararsi innocente

I legali di Massimo Bossetti sperano di ottenere il via libera dalla Cassazione, in modo da poter finalmente visionare e, soprattutto, esaminare i reperti. Considerando che proprio su queste prove i giudici hanno stabilito la colpevolezza del loro assistito, vorrebbero avere la possibilità del contraddittorio. Salvagni ha dichiarato:

Molti ancora oggi si chiedono: perché impedire alla difesa di fare la prova scientifica sul Dna? Se voi dell’accusa siete così sicuri del risultato che timore avete? Tutto questo continua ad alimentare il dubbio nell’opinione pubblica, la quale continua a convincersi sempre di più che in carcere ci sia veramente un innocente.

Nel frattempo, Bossetti continua a sostenere di non essere colpevole. Si dichiara innocente da 13 anni e non ha nessuna intenzione di fare un passo indietro. Salvagni ha raccontato che Massimo sta aspettando con ansia la risposta della Cassazione:

È come se si fosse aperta una crepa nel muro e noi siamo convinti che questa crepa diventerà un vero e proprio squarcio. Massimo ovviamente è contento di questo; aspetta con ansia questa decisione della Corte, e mi ha detto ‘l’analisi di quei reperti consentirà di dimostrare la mia innocenza’.

Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi
Copywriter, classe 1985. Laureata in Scienze Storiche presso l'Università La Sapienza di Roma, con una seconda laurea in Scienze Religiose alla Pontificia Università Lateranense, ho una passione per la scrittura e la lettura. Ideatrice di un blog dedicato ai libri, il mio motto è πάντα ῥεῖ, tutto scorre.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
778FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate