Plebiscito per Putin alle elezioni in Russia: “Siamo più forti che mai”

Putin vince le elezioni in Russia e ottiene quasi il 90% dei consensi, con record di affluenza: scattano le proteste ai seggi. Le reazioni.

Si chiudono i seggi per le elezioni in Russia 2024, con una grandissima vittoria per Vladimir Putin: il Capo del Cremlino si conferma per la quinta volta consecutiva alla guida del Paese (superando il record di Stalin) con quasi il 90% dei consensi, e governerà fino al 2030.

Ecco come si sono svolte le elezioni in Russia 2024, perché si parla di plebiscito e come hanno reagito i leader internazionali di fronte alla vittoria di Putin.

Elezioni Russia 2024, plebiscito per Putin: sfiora il 90% dei consensi

Putin supera ogni record e si riconferma alla elezioni in Russia 2024: il Capo del Cremlino si riconferma con l’87,7% dei consensi, con un’affluenza alle urne pari al 73% (in crescita rispetto a sei anni fa). Con questa vittoria Putin (che ha parlato anche di “plebiscito”) batte il record di Stalin e, dopo 24 anni di governo, si conferma alla guida della Russia fino al 2030.

A queste elezioni, che secondo la Casa Bianca non sono state “né libere né giuste”, Putin ha corso praticamente da solo: infatti gli avversari (il leader del Partito comunista Nikolai Kharitonov, il nazionalista Leonid Slutsky e il liberale Vladislav Davankov) sono tutti e tre dei sostenitori delle politiche del Cremlino.

L’unico avversario che avrebbe potuto contrastare Putin era il consigliere locale di Mosca Boris Nadezhdin, costretto a ritirarsi per aver espresso delle critiche sulla gestione della guerra.

Proteste ai seggi in Russia

I festeggiamenti di Putin sono stati interrotti da numerose proteste dei cittadini ai seggi, in particolare la protesta promossa dalla vedova di Navalny, Yulia Navalnaya, che aveva chiesto ai cittadini di recarsi alle urne domenica a mezzogiorno come segno di protesta contro il Cremlino.

Putin vince le elezioni: “Noi sempre più forti”

Nel suo primo discorso al termine delle elezioni, in cui ha ottenuto tra l’87 el’89% dei consensi, Putin ha sottolineato come “il risultato delle elezioni dimostra che la Russia è una grande famiglia” e che c’è “totale fiducia dei cittadini sul fatto che faremo tutto come da programma”.

Un ringraziamento è andato anche ai soldati che proteggono i confini della Russia e che “svolgono il compito più importante che è quello di proteggere il nostro popolo”.

E poi, rivolgendosi a chi vorrebbe contrastare il suo poter, Putin ha detto:

Non importa quanto abbiano cercato di spaventarci, di sopprimere la nostra volontà, la nostra coscienza, nessuno ci è mai riuscito nella storia. Hanno fallito ora e falliranno in futuro.

Infine, una messa in guardia per la Nato, spiegando che il conflitto in Ucraina potrebbe essere “ad un passo dalla terza guerra mondiale“.

Le reazioni alla vittoria di Putin alle elezioni

 “Congratulazioni a Vladimir Putin per la sua brillante vittoria alle elezioni presidenziali russe”, ha scritto su Telegram vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitri Medvedev.

Diversa è stata la reazione del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha dichiarato:

È chiaro a tutti che questo personaggio, come è successo tante volte nella storia, è semplicemente ubriaco di potere e sta facendo tutto il possibile per regnare in eterno.

Il ministero degli Esteri polacco ha invece sottolineato che le elezioni in Russia “non sono legali, libere ed eque”, aggiungendo che il voto si è svolto “in mezzo a dure repressioni” e in violazione del diritto internazionale. Parole rilanciate anche dalla Casa Bianca.

Anche il Ministero degli Esteri italiano ha condiviso questo pensiero, aggiungendo:

Continuiamo a lavorare per una pace giusta che porti la Russia a terminare la guerra di aggressione all’Ucraina nel rispetto del diritto internazionale.

Laura Pellegrini
Laura Pellegrini
Redattore, classe 1998.Sono veronese di nascita e milanese d'adozione. Mi sono Laureata in Comunicazione e Società presso l'Università degli Studi di Milano e sono da sempre appassionata di giornalismo e attualità. Entrata nel mondo dell'informazione grazie a uno stage curricolare, ho svolto per due anni l'attività di redattore e social media manager. Attualmente collaboro da remoto con Trend-online, la testata grazie alla quale ho lanciato il mio primo e-book, e con altre testate per la sezione di attualità. La mia ambizione principale è quella di costruire una carriera internazionale.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate