Sondaggi politici, effetto Berlusconi sui dati dei partiti: ecco le nuove percentuali

Forza Italia in forte ascesa sull'onda emotiva legata alla scomparsa del leader. Ecco i dati percentuali relativi a tutti i partiti nel sondaggio politico Winpoll.

Silvio Berlusconi, scomparso ieri all'età di 86 anni

C'è il primissimo sondaggio effettuato dopo la morte dell'ex presidente del consiglio e leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

Un primissimo sondaggio effettuato da Winpoll per Scenari Politici che fa registrare un balzo importantissimo di Forza Italia che da una percentuale attestata tra il 7% e il 8% sull'onda emotiva della scomparsa del leader oggi è quotato da Winpoll addirittura al 13,3%. Ecco tutti i dati relativi ai partiti.

Forza Italia cresce di cinque punti rispetto alla rilevazione precedente

La rilevazione è stata effettuata da Winpoll proprio nella giornata del 12 giugno, il giorno della scomparsa di Berlusconi.

Il sondaggio vede crescere Forza Italia di cinque punti percentuali rispetto a due settimane fa. Forza Italia quindi supera la Lega e in questa fase si pone come quarto partito italiano appena dietro al Movimento 5 Stelle di Giuseppe Conte. Si può facilmente intuire dal segno meno che hanno altre formazioni politiche rispetto all'analisi precedente che i voti arrivano principalmente dalla Lega e dai partiti di Carlo Calenda e Matteo Renzi. Oltre che dal non voto e da persone che non si sono recate al seggio alle ultime elezioni.

Si tratta naturalmente di un sondaggio realizzato a caldo e in presenza di un evento come la scomparsa del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che ha catalizzato l'attenzione di tutti.

Significativo anche il fatto che non ci siano cali particolari di Fratelli d'Italia che quindi non ha troppi elettori in uscita verso il partito che ora aprirà la fase di successione a Silvio Berlusconi.

Naturalmente si tratta del primo sondaggio dopo la scomparsa di Berlusconi e sarà interessante capire se anche gli altri istituti faranno registrare questa ascesa.

E in secondo luogo se sono dati frutto dell'emozione del momento destinati poi a calare o se sarà un trend che Forza Italia riuscirà a mantenere nelle prossime settimane.

Sondaggio Winpoll, sempre nettamente in testa Fratelli d'Italia

Il sondaggio di Winpool fa registrare sempre Fratelli d'Italia come primo partito italiano. La formazione politica della premier Giorgia Meloni è accreditata del 28,7%.

Secondo partito italiano si conferma il Partito Democratico di Elly Schlein. Per il Pd la percentuale rilevata da Winpoll è del 21,3%.

In terza posizione come detto c'è il Movimento 5 Stelle che secondo i dati di Winpoll è quotato al 14,4%.

Quarta posizione per Forza Italia che è quotata al 13,3%.

Segno meno per la Lega di Matteo Salvini che cala ulteriormente ed è ora quotata al 7,1%. Azione di Carlo Calenda è quotata in questo sondaggio al 3,5% mentre l'alleanza tra Verdi e Sinistra Italiana si conferma al 3,1%.

Segue poi Italia Viva di Matteo Renzi al 2%, Più Europa all'1,8% e Potere al Popolo all'1,3%. Altri partiti non rilevati singolarmente da Winpoll al 3,5%.

Le modalità con cui è stato effettuato il sondaggio

Il sondaggio come detto è stato realizzato da Winpoll con committente Scenari politici. E' stato realizzato nella giornata del 12 giugno.

Come popolazione di riferimento ha avuto la popolazione italiana, maschi e femmine dai 18 anni in su, segmentato per sesso, età, proporzionalmente all’universo della popolazione italiana.

Il tutto ponderato per genere, fasce di età, ed intenzioni di voto alle ultime politiche. Sono state effettuate 1.000 interviste. La domanda posta è stata

Se si tenessero le elezioni politiche, a quale partito darebbe la sua preferenza?

La quota di risposte non sa/non andrebbe a votare è stata pari al 26%.

LEGGI ANCHE: Il futuro di Forza Italia e l'ipotesi partito unico con Fratelli d'Italia di Meloni

LEGGI ANCHE: Silvio Berlusconi, ecco come viene raccontato l'ex premier dalla stampa internazionale

LEGGI ANCHE: Forza Italia, che cosa succede al partito dopo la morte di Silvio Berlusconi