Arrestati tre presunti terroristi a l’Aquila: chi sono e cosa pianificavano

Presunti terroristi arrestati a l'Aquila: secondo gli inquirenti pianificavano attentati, anche kamikaze, contro obbiettivi civili e militari

Arrestati tre presunti terroristi a l’Aquila: si tratta di cittadini palestinesi che, secondo l’accusa, pianificavano attentati all’estero e facevano opera di proselitismo. Tra di loro anche il 37enne palestinese detenuto nel carcere di Terni, per il quale si erano organizzate varie manifestazioni per chiederne la liberazione dopo la richiesta di estradizione avanzata da Israele e l’arresto avvenuto il 29 gennaio.

Chi sono i presunti terroristi dell’Aquila

I poliziotti della Digos e della Direzione centrale della Polizia di prevenzione hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone, di origine palestinese, per associazione con finalità di terrorismo.

Come si legge nella nota diffusa dalla Polizia di Stato, ” Le indagini hanno permesso di accertare l’esistenza di una struttura operativa militare chiamata ‘Gruppo di Risposta Rapida – Brigate Tulkarem‘, una costola delle ‘Brigate dei martiri di Al-Aqsa’ riconosciute dall’Unione europea come organizzazione terroristica, dedita al compimento di atti di violenza con finalità di terrorismo anche contro uno Stato estero”.

Le accuse degli investigatori

Secondo gli investigatori, gli arrestati facevano opera di proselitismo e propaganda e pianificavano attentati, anche suicidi, contro obbiettivi civili e militati.

Da quanto si legge nell’ordinanza emessa dal gip distrettuale di L’Aquila, i tre uomini palestinesi arrestati progettavano un’azione terroristica da compiersi nell’insediamento israeliano di Avnei Hefetz, in Cisgiordania. I particolari sarebbero emersi dalle conversazioni intercettate dalla polizia che ha svolto le indagini.

Il caso Yaeesh

Nell’elenco dei nomi dei tre arrestati figura anche quello di Anan Yaeesh, il 37enne palestinese detenuto nel carcere di Terni e sul quale pende una richiesta di estradizione da parte del governo israeliano, nonostante avesse un regolare permesso di soggiorno con protezione speciale. L’uomo è stato arrestato lo scorso 29 gennaio in seguito a tale richiesta e i suoi legali -Flavio Rossi Albertini e da Stefania Calvanese – avevano depositato un’istanza alla Corte d’appello dell’Aquila per chiedere la revoca della misura cautelare. Erano state organizzate varie manifestazioni contro l’estradizione dell’uomo e uno striscione era stato issato al Ponte del Mare di Pescara per chiederne la liberazione.

“La notizia è arrivata con un tempismo straordinario, quasi sospetto” – ha detto al telefono ai giornalisti Rai Umbria il legale di Anan, Flavio Rossi Albertini – visto che proprio per martedì è fissata in Corte d’Appello la discussione sulla richiesta di revoca della misura cautelare. Yaeesh rimane dunque in carcere e lo scenario – precisa l’avvocato – cambia totalmente”.

La soddisfazione del ministro Piantedosi

“Soddisfazione per la cattura all’Aquila di tre pericolosi terroristi, operazione che conferma il continuo impegno e la grande capacità investigativa delle nostre Forze dell’ordine” ha dichiarato il Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, commentando l’attività condotta dalla Polizia di Stato, con il coordinamento della Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, che ha consentito di assicurare alla giustizia alcuni cittadini palestinesi, membri di una cellula militare legata alle “Brigate dei Martiri di Al-Aqsa”, che pianificavano attentati, pure suicidari, verso obiettivi civili e militari anche di Stati esteri”.

Lo scorso ottobre c’era stata un’altra operazione volta a prevenire atti terroristici che ha portato all’ arresto di un cittadino egiziano e un naturalizzato italiano di origini egiziane con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo.

Vera Monti
Vera Monti
Giornalista pubblicista e precedentemente vice- presidente di un circolo culturale, scrivo di arte e politica - le mie grandi passioni - su varie testate online cercando sempre di trattare ogni argomento in tutte le sue sfaccettature. Ho intervistato vari personaggi della scena artistica nazionale e per Trend online mi occupo principalmente di politica ed economia
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate