Vertice EuroMediterraneo, Meloni oggi ad Alicante. Ancora tensione tra Italia e Francia

Oggi ad Alicante vertice Euromediterraneo. Italia rappresentata dalla presidente del consiglio Giorgia Meloni e dal ministro degli Esteri Antonio Tajani.

Giorgia Meloni sarà oggi ad Alicante

Oggi i riflettori della politica europea ed internazionale saranno puntati su Alicante. In Spagna infatti si tiene il vertice Euromediterraneo che riunisce oltre al premier spagnolo Pedro Sanchez, padrone di casa anche i rappresentanti di Italia, Francia, Portogallo, Grecia, Malta, Cipro, Slovenia e Croazia.

Il summit è incentrato sui temi di interesse dei paesi del Sud dell’Europa e del Mediterraneo, a partire dalla crisi energetica e dagli effetti sulle economie della guerra in Ucraina, anche in vista del Consiglio europeo della prossima settimana a Bruxelles.

Spazio certo anche per il tema dei migranti. La vigilia dell'incontro viene subito scandita da un botta e risposta tra Francia e Italia, dopo le tensioni delle ultime settimane legate al caso dei migranti a bordo della Ocean Viking. Sia Giorgia Meloni, presidente del consiglio italiana che Emmanuel Macron saranno ad Alicante ma al momento non è previsto un incontro bilaterale tra Italia e Francia.

Vertice Euromediterraneo ad Alicante: presente anche la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen

Il vertice sarà anche l'occasione per fare il punto su cambiamenti climatici e tutela della biodiversità e per approfondire i temi legati alla sovranità economica europea. Le discussioni si concentreranno, inoltre, su questioni di politica industriale Ue. Infine, i leader affronteranno le discussioni sulla riforma del patto di stabilità e crescita.

Ad Alicante sarà presente anche la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. La presidente del consiglio italiana Giorgia Meloni sarà accompagnata dal ministro degli Esteri Antonio Tajani.

Naturalmente la presenza allo stesso vertice di nuovo di Giorgia Meloni e del presidente francese Emmanuel Macron aveva fatto pensare alla possibilità di organizzare un bilaterale tra i due paesi. Ma fonti dell'Eliseo hanno fatto sapere che non è in programma ad Alicante un bilaterale tra Macron e Meloni.

Vertice Euromediterraneo, Meloni-Macron: nessun vertice bilaterale previsto ad Alicante

Dopo le recenti tensioni tra Francia e Italia sull'accoglienza dei migranti - con al centro dello scontro il fatto che, secondo la Francia, è obbligo dell'Italia di far sbarcare le navi umanitarie con i migranti - evidentemente tutti i nodi non sono ancora stati sciolti.

In estrema sintesi per il Governo francese se l'Italia dovesse replicare il no all'ingresso delle navi umanitarie nei suoi porti, la Francia non accetterebbe una nuova prova di forza. Italia e Francia concordano al momento solo su una strategia che, a monte, allarghi il coinvolgimento dell'Unione europea.

C'è anche un dibattito in corso in base al quale fonti dell'Eliseo sottolineano di "essere in attesa di una data per la visita della Presidente del consiglio italiana Giorgia Meloni a Parigi".

”Per quello che sappiamo Meloni sta ancora cercando una data per la sua visita a Parigi” hanno fatto sapere dalla Francia.

Ma la risposta di fonti di Palazzo Chigi, interpellate dall'agenzia Ansa, è netta:

Non ci risulta in questo momento alcun impegno assunto dal presidente Meloni per una visita a Parigi. Né al presidente è giunto alcun invito ufficiale, immaginando che determinati inviti non si facciano a mezzo stampa.

Nella giornata di venerdì 9 dicembre si capirà se Macron e Meloni si incroceranno solamente al vertice o se avranno anche un colloquio. Meloni invece dovrebbe avere un bilaterale con il premier spagnolo Pedro Sanchez.

Giorgia Meloni esulta sui social: ”Via libera della Commissione Europea sull’infrastruttura d’interconnessione tra Italia e Tunisia è un grande successo italiano”

In serata Giorgia Meloni alla vigilia della sua partenza per Alicante ha parlato sui suoi social di un altro tema:

"Il via libera della Commissione Europea - scrive Meloni - allo stanziamento di 307 milioni di euro per co-finanziare l’infrastruttura d’interconnessione tra Italia e Tunisia è un grande successo Italiano. È una data storica perché l’Unione Europea ha dato l’ok ad un progetto che vede coinvolto uno Stato Membro con uno Stato Terzo".

L’opera, prosegue la presidente del consiglio italiana, un elettrodotto sottomarino di circa 200 km, sarà realizzata da TERNA e dalla corrispondente società tunisina STEG e costituirà un nuovo corridoio energetico tra Africa ed Europa, favorendo la sicurezza dell’approvvigionamento energetico e l’incremento di produzione di energia da fonti rinnovabili.

”È nel destino dell’Italia – chiude Meloni - diventare un nuovo hub energetico per l’intero Continente europeo, è nella nostra missione intensificare la cooperazione con l’Africa per portare investimenti e sviluppo”.