Steve Huber, Fixed Income Portfolio Manager di T. Rowe Price, spiega che gli ultimi avvenimenti nel settore bancario europeo hanno messo sotto i riflettori i bond corporate del comparto finanziario. Di recente, infatti, sono state evitate diverse crisi potenziali. L’acquisizione di Banco Popular da parte di Santander per il valore nominale di 1 euro e la decisione del Governo italiano di ricapitalizzare Monte dei Paschi di Siena, oltre che di salvare altre due banche di medie dimensioni, rappresentano tutti esempi di rischi che sono stati contenuti. Questi sviluppi sono stati accolti positivamente dai mercati, come un segnale che i policymaker e i Paesi membri europei possono effettivamente fare fronte ai problemi del sistema bancario. In questi casi, il contagio è stato scongiurato con successo, e ciò ha contribuito a mantenere la stabilità finanziaria in Europa. La riduzione complessiva dei livelli di stress nel comparto bancario è positiva.

Una delle grandi lezioni che gli investitori dovrebbero apprendere dagli ultimi avvenimenti è che al di là delle modalità con cui le Autorità hanno affrontato i fallimenti delle banche, i detentori di bond senior – i più alti nel ranking del debito obbligazionario nella struttura del capitale – sono stati tutelati. Anzi, nella maggior parte dei casi le Autorità locali hanno mostrato la volontà di imporre le perdite più pesanti sui detentori di bond subordinati.

Non a caso, questi sviluppi hanno condotto a un continuo restringimento degli spread dei bond senior preferiti - spiega Steve Huber -. Le divergenze tra le banche maggiori ben conosciute e quelle meno note di media e piccola taglia sembrano destinate a persistere. Ciò significa che la selezione dei singoli emittenti, la posizione nella struttura di capitale e l’analisi approfondita delle clausole continuano a giocare un ruolo chiave in questa asset class.