Dopo la moratoria fiscale le imprese italiane saranno in grado di pagare le tasse? La domanda è d'obbligo considerando che, tra l'altro, il bazooka da 400 miliardi di euro di prestiti garantiti dallo Stato italiano sta sparando colpi a salve in accordo con quanto è stato riportato da IlTempo.it.

Cgia di Mestre, azzerare per il 2020 le imposte erariali

Ed allora, per tutto il 2020, perché non azzerare  l'Ires, l'Irpef ed anche l'Imu sui capannoni a carico delle Pmi? E' questa, in particolare, la proposta della Cgia di Mestre nel calcolare lo sgravio fiscale in complessivi 28,3 miliardi di euro.

Irpef, Ires e Imu lavoratori autonomi e Pmi: il lockdown delle tasse

In pratica l'Associazione degli artigiani mestrina ritiene che sia arrivato ora il momento di varare pure il lockdown sulle tasse al fine di agevolare la ripartenza delle attività dei lavoratori autonomi e delle micro e piccole imprese in accordo con quanto è stato riportato dal sito del TGCom24.

Lo sgravio fiscale, stimato in complessivi 28,3 miliardi di euro, permetterebbe alle piccole imprese di evitare la chiusura e di evitare, per il prossimo anno, un vero e proprio buco nel bilancio dello Stato. Il calcolo della Cgia di Mestre, comunque, non include le tasse locali altrimenti i Comuni e le Regioni ne uscirebbero fortemente penalizzate.

Moratoria tasse, ipotesi proroga fino a settembre

RIcordiamo che per ora le tasse 2020 non sono state cancellate, ma solo sospese con il Governo che al riguardo sta lavorando per allungare la proroga fino al prossimo mese di settembre in accordo con quanto è stato riportato da Repubblica.it. Nel differimento, tra l'altro, potrebbero rientrare pure le cartelle esattoriali, gli avvisi di accertamento e l'Imu.