Carola van Lamoen, Head of Active Ownership di Robeco, spiega che la cooperazione tra società e investitori è essenziale per il raggiungimento degli obiettivi sul cambiamento climatico. E gli investitori stessi devono unire le forze in iniziative di collaborazione a favore di progressi reali nella decarbonizzazione del settore energetico.

Il tema al centro del dibattito a Davos il 21 gennaio sarà Come affrontare le urgenti sfide climatiche e ambientali che stanno danneggiando la nostra ecologia e la nostra economia.

Rotta per la carbon neutrality

Il traguardo di un mondo carbon neutral entro il 2050 è essenziale per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi, che punta a limitare il surriscaldamento globale a non più di 2°C oltre i livelli preindustriali entro la seconda metà del secolo.

Gran parte dell'attenzione si è concentrata sulla riduzione delle emissioni di carbonio da parte delle compagnie petrolifere e del gas nella transizione dai combustibili fossili verso un'energia rinnovabile a zero emissioni nette di carbonio.

Tre anni di engagement

Nel 2019 si è concluso il programma di impegno triennale di Robeco al fianco di undici società quotate del settore Oil & Gas, di cui sei internazionali e cinque statali, che complessivamente rendono conto di un quarto della fornitura globale di petrolio e un quinto della fornitura di gas.

Ripercorrendo questi tre anni di engagement, Robeco ha conseguito risultati soddisfacenti con le società del settore dell’energia.

Sulla base dei progressi di ogni azienda rispetto agli obiettivi di fondo fissati all'inizio del programma Carola van Lamoen è stato in grado di concludere con successo sette casi su undici, pari a un tasso di riuscita del 64%.