Non è certo tra le blue chips più gettonate a Piazza Affari, ma quest'oggi Amplifon sta facendo sentire anche la sua voce tra le altre.

Il titolo mostra un rialzo ben più corposo di quello dell'indice Ftse Mib, viaggiano in salita per la quarta seduta di fila.
Da inizio anno Amplifon ha vissuto solo una giornata con il segno meno, riportando un calo contenuto al di sotto dello 0,5%.

Amplifon punta ai massimi storici dopo l'acquisto di Attune Hearing

Per il resto il titolo ha continuato a salire a piccoli passi, con un bello exploit oggi, visto che le quotazioni incrementano il loro valore di circa il 2,3% ad un passo da area 26,5 euro.

Amplifon torna così a guardare da vicino ai massimi di sempre toccati a inizio dicembre a 26,8 euro.
Un allungo che oggi trova sostegno nelle notizie riguardanti lo shopping realizzato dalla società in Australia.

Amplifon ha infatti sottoscritto un accordo definitivo per l'acquisizione di Attune Hearing, il maggiore operatore indipendente di servizi di audiologia nella terra dei canguri.

L'operazione comporta un cash-out pari a circa 55 milioni di dollari australiani, corrispondenti a circa 34 milioni di euro.

Il perfezionamento del deal è atteso entro la fine del trimestre in corso, dopo l'ottenimento delle autorizzazioni regolatorie necessarie.

Amplifon: il deal al vaglio di Equita SIM

L'acquisizione annunciata da Amplifon piace al mercato, ma anche agli analisti, a partire di quelli di Equita SIM i quali fanno notare che l'operazione mira a consolidare la presenza del gruppo in Australia, rafforzandone il posizionamento nel segmento più medicale.