Una seduta spumeggiante quella odierna per Astaldi che, dopo aver ceduto quasi un punto percentuale ieri, da subito si è posizionato lungo la via dei guadagni oggi.

Astaldi sfoggia un bel rally con forti volumi di scambio

Il titolo, che mette a segno la migliore performance nel paniere del Ftse Italia Mid Cap, negli ultimi minuti si presenta a 0,441 euro, con un rally del 5,38%.

Gli acquisti sono alimentati da volumi di scambio molto vivaci, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 460mila azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 280mila pezzi.

A mettere le ali ad Astaldi contribuiscono i dati relativi ai primi sei mesi dell'anno diffusi questa mattina prima dell'apertura di Piazza Affari.

Astaldi: i conti del primo semestre 2020

Il gruppo ha archiviato il periodo in esame con una perdita netta di 83,8 milioni di euro, mentre le attività in continuità evidenziano un rosso più contenuto pari a 39,7 milioni di euro.

Il totale dei ricavi ammonta a 656,8 milioni di euro, di cui il 33% prodotto in Italia e il restante 67% all'estero.
L'ebitda è di 66,3 milioni di euro, escludendo i 12,3 milioni di costi non ricorrenti relativi alla procedura di Concordato

Alla fine del primo semestre il portafoglio ordini è pari a 7,7 miliardi di euro, di cui 6,4 miliardi per attività di costruzione e 1,3 miliardi per attività O&M.   

La posizione finanziaria netta è negativa per 2,369 miliardi di euro, ante esdebitazione, e quella post esdebitazione è invece positiva per 170 milioni.

Astaldi: focus sulle prospettive. La guidance per il 2020

Per quanto riguarda lo sviluppo commerciale atteso, sebbene la pandemia abbia determinato cancellazioni o rinvii di bandi di gara, Astaldi fa sapere che è possibile confermare la sostanziale tenuta delle proiezioni commerciali alla base delle previsioni di crescita ipotizzate nel piano legato alla Proposta Concordataria.

Questo dato fattuale, unito all'assenza di cancellazioni o annullamenti di contratti causa Covid-19, permette di confermare ad oggi la sostanziale tenuta del Portafoglio Ordini attuale e prospettico.

Quanto alla guidance per l'esercizio in corso, Astaldi prevede ri cavi pari a circa 1,5 miliardi di euro, un Ebitda adjusted maggiore del 5%, un ebit adjusted superiore al 3% e una posizione finanziaria netta positiva per più di 300 milioni di euro.

Per il periodo 2021-2023, Astaldi prevede piani di investimento straordinari con l’obiettivo di recuperare volumi e margini reddituali che non verranno conseguiti nel corso del 2020.

Astaldi: 2 ricorsi degli obbligazionisti contro omologa concordato

Da segnalare anche le ultime novità relative alla battaglia portata avanti dagli obbligazionisti che non mollano la presa, ribadendo la loro contrarietà al concordato preventivo.

Astaldi ha fatto sapere di aver ricevuto ieri e l'altro ieri la notifica di due distinti ricorsi per cassazione da parte di alcuni titolari di obbligazioni parte dei prestiti obbligazionari emessi dalla società stessa.

La richiesta dei bondholders è che la Corte di Cassazione voglia cassare, con o senza rinvio, il decreto del Tribunale di Roma con il quale è stato omologato il concordato e disporne l'annullamento.

Astaldi ritiene, anche sulla scorta delle considerazioni preliminari espresse dai propri legali, che i predetti ricorsi siano inammissibili ed infondati, aggiungendo che sono comunque in corso ulteriori approfondimenti.

La societàsottolinea, inoltre, che la avvenuta proposizione dei ricorsi non produce effetti sull'esecuzione del concordato, poichè il decreto di omologazione dello stesso è provvisoriamente esecutivo ai sensi dell'articolo 180, quinto comma, della Legge Fallimentare e le eventuali impugnazioni non hanno effetto sospensivo, nè esimono la società proponente dal dare tempestiva esecuzione agli impegni nei confronti dei creditori".