Risentendo del clima negativo prevalente a Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha accelerato le perdite della mattinata e cala al momento di quasi un punto e mezzo percentuale, Azimut torna a cedere terreno quest'oggi annullando parzialmente il robusto rialzo della vigilia.

Azimut torna giù insieme al Ftse MiB

Il titolo, che aveva chiuso la seduta di ieri con un progresso di quasi il 4% dopo un pesante affondo subito nella sessione di lunedì (-3,55%), sta mostrando al momento un'intonazione più debole del listino e negli ultimi minuti viaggia in ribasso del 2,15% a 16,98 euro, a ridosso dei minimi intraday e con circa 1,6 milioni di azioni scambiate fino ad ora contro una media negli ultimi 3 mesi pari a 2,2 milioni di azioni.

Il titolo si riallontana dai massimi 2019 ma resta a +80% ytd

La società di consulenza è gestione patrimoniale, che nelle ultime due settimane ha faticato, complici alcune prese di profitto dopo la pubblicazione dei conti del primo trimestre lo scorso 9 maggio, a riavvicinarsi ai massimi di 18 euro toccati a fine aprile, resta comunque in netto progresso nel 2019 considerato che il titolo ha guadagnato finora da inizio anno quasi l'80%, più di qualsiasi altra blue chip milanese.

Azimut: il presidente Giuliani traccia un bilancio del 2019

Proprio l'ottima performance borsistica dopo il difficile 2018 è stata peraltro oggi tra i temi toccati in un'intervista pubblicata sul sito Bluerating all'appena rieletto presidente del gruppo, Pietro Giuliani, che ha tracciato un bilancio dei risultati finora raggiunti nel 2019 in vista della scadenza a fine anno del piano quinquennale.