L’assemblea straordinaria di Fitch, di fine settembre 2019, aveva dato l’ok al piano di rafforzamento di Banca Carige.

Un lungo dibattito per le manovre attuative aveva fatto da sfondo al rating positivo ottenuto in via definitiva il 27 settembre.

Dopo Moody’s, l’agenzia di rating ha voluto dedicarsi all’avviamento del re-rating di Carige, confidando in potenzialità tutt’altro che note.

Banca Carige: dove eravamo rimasti?

Il percorso di Banca Carige, altra denominazione della Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, per chi non lo sapesse, è stato tortuoso e ricco di pericoli.

Per quanto si tratti di uno degli istituti bancari più longevi del nostro Paese, la strada verso irregolarità e malversazioni, che ha portato al lastrico migliaia di correntisti, era stata percorsa tutta.

Gli oltre 20 anni di truffe ai danni della gente hanno portato con sé solo tanta rabbia e voglia di fare, per tentare la ricostruzione di quanto perduto.

Gruppo Banca Carige: la rinascita del titolo

La banca in questione appartiene al Gruppo Banca Carige e rientra tra i nomi di FTSE Italia Small Cap. della Borsa di Milano.

Il crollo del marchio era stato il riflesso di un normale deprezzamento del titolo a seguito delle note vicende giudiziarie.

Oggi, compiutesi le valutazioni del caso, l’ottenimento del via libera della Consob all’aumento del capitale sociale a 700 milioni di euro, fa ben sperare.

Carige in crescita, Fitch sottolinea la sostenibilità bancaria

In una nota positiva, l’agenzia Fitch ha sottolineato che le operazioni di de-risking hanno affiancato le azioni di rafforzamento patrimoniale di Banca Carige.