In linea con l'ottima intonazione di Piazza Affari, prosegue in rialzo anche la seduta di Banca Ifis che guadagna terreno per la seconda giornata di fila.

Banca Ifis sale ancora dopo lo spunto di ieri

Il titolo, dopo aver guadagnato ieri circa un punto e mezzo percentuale, oggi riesce a fare ancora meglio, mostrando un rialzo del 2,07% a 9,125 euro, con oltre 270mila azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 340mila pezzi.

Banca Ifis tornata sul dossier Farbanca?

A scaldare le quotazioni di Banca Ifis e a mantenere alta l'attenzione del mercato sono alcune indiscrezioni riportate dal Sole 24 Ore, secondo cui il gruppo sarebbe ritornato sul dossier Farbanca, dopo che l’acquisto di quest’ultima da parte di Banca Popolare di Sondrio non si è concretizzato.

Farbanca: chi è e cosa fa

Gli analisti di Equita SIM spiegano che Farbanca è una banca specializzata nel settore della farmacia e della sanità, con una struttura leggera in termini di dipendenti e con un buon sviluppo sul canale telematico.

Farbanca ha chiuso il 2019 con un utile netto pari a 4,1 milioni di euro, impieghi in bonis pari a 598 milioni di euro un Npe ratio al 4,9%.

Alla fine dello scorso anno la banca aveva un CET1 Ratio del 15,02% e un CET1 Capital pari a 61,6 milioni di euro.
Le potenziali offerte dovrebbero arrivare nei prossimi giorni e tra i soggetti interessati all’acquisto ci sarebbe anche Elliott.

Banca Ifis: sensata l'operazione Farbanca. Equita è bullish

Non sono note le valutazioni e gli esperti di Equita SIM ricordano che Banca Popolare di Sondrio aveva raggiunto un accordo per l’acquisto del 71% del capitale per 30 milioni di euro, corrispondente a una valutazione complessiva di 42 milioni di euro, con multipli che nell’attuale contesto sembrano "tirati".

Dal punto di vista industriale l’operazione secondo la SIM milanese avrebbe senso, in quanto permetterebbe a Banca Ifis di rafforzare la propria presenza nel segmento farmacie dopo l’acquisto di Credifarma nel 2018.

Non cambia intanto la strategia suggerita da Equita SIM che su Banca Ifis mantiene invariato il rating "buy", con un target price a 17,7 euro, valore che implica un potenziale di upside di oltre il 90% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.