Prosegue ad alta tensione la seduta odierna di Banca Popolare di Sondrio che non riesce a beneficiare in alcun modo degli spunti positivi offerti da Piazza Affari.

Banca Popolare di Sondrio sotto scacco. 5° ribasso di fila

Il titolo, che scivola in fondo al paniere del Ftse Italia Mid Cap, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un calo di mezzo punto percentuale, continua a perdere terreno oggi, scendendo per la quinta sessione di fila.

Negli ultimi minuti Banca Popolare di Sondrio passa di mano a 1,935 euro, con un ribasso del 3,44% e forti volumi di scambio, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 1,6 milioni di azioni, già al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 1,3 milioni di pezzi.

Banca Popolare di Sondrio: rumor su slittamento trasformazione Spa

A mettere sotto pressione Banca Popolare di Sondrio sono le ultime indiscrezioni di stampa circolate in queste ore.

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, le Commissioni Affari costituzionali e Lavori Pubblici del Senato, che stanno lavorando alla conversione in legge del Decreto Semplificazioni,avrebbero approvato un emendamento che prevede la proroga di un anno al 2021 del termine di trasformazione in Spa delle banche popolari con attivo superiore a 8 miliardi di euro.

BP Sondrio: ultime decisioni Corte di Giustizia UE e Consiglio di Stato

Gli analisti di Equita SIM ricordano che il 16 luglio scorso la Corte di Giustizia Europea aveva ribadito la conformità della legge che nel 2015 imponeva la trasformazione in Spa delle popolari con attivo superiore agli 8 miliardi di euro alla normativa europea.

L’udienza del Consiglio di Stato per valutare la rimozione delle ordinanze sospensive in merito all’obbligo di trasformazione delle popolari era stata fissata per l'1 ottobre.

BP Sondrio: per analisti appeal speculativo potrebbe calare ora

Negli ultimi due mesi, fa notare Equita SIM, Banca Popolare di Sondrio  ha sovraperformato il settore bancario, anche grazie ad un progressivo aumento dell’appeal speculativo a seguito della sentenza della Corte di Giustizia europea.

Gli analisti della SIM milanese ritengono che la proroga di un anno dei termini della trasformazione in Spa possa invece ridurre l’appeal speculativo di breve termine, pur rimanendo un catalizzatore importante per il titolo.

In attesa di novità gli esperti di Equita SIM non cambiano idea su Banca Popolare di Sondrio e mantengono una view cauta, confermando la raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo a 2,1 euro, non molto distant dalle attuali quotazioni a Piazza Affari.