In una giornata segnata dalle vendite in Europa, con i principali indici azionari tutti in calo, poco aiutati dai segnali negativi che arrivano da Wall Street, risalta all'occhio il movimento in controtendenza di Piazza Affari.

Il Ftse Mib sale da solo in Europa grazie alle banche

Il Ftse Mib, pur avendo ritracciato dai massimi si conferma al di sopra della parità, con un frazionale rialzo dello 0,16% a ridosso dei 20.500 punti.

A dare sostegno al mercato domestico è la brillante performance dei titoli del settore bancario che viaggia tutti in netto progresso.

La maglia rosa spetta a Banco BPM con un rally di oltre il 4% seguito da Ubi Banca e Bper Banca che si apprezzano rispettivamente del 3,02% e del 2,92%, ma si muovono bene anche Intesa Sanpaolo e Unicredit, con un vantaggio del 2,65% e del 2,3%, lasciando più indietro Mediobanca che si accontenta di un rialzo più contenuto dello 0,85%.

Spread in rialzo, ma i bancari guardano ai rumor su nuova Gacs

Gli acquisti sui bancari non seguono quest'oggi l'andamento dello spread BTP-Bund che dopo la sostanziale stabilità mostrata nel corso della mattinata, ha imboccato la via dei guadagni, salendo ora di quasi un punto percentuale ad un passo dai 263 punti base.

A sostenere il comparto sono invece le indiscrezioni riportate da Reuters, secondi cui il Governo italiano a breve varerà un decreto legge per il rinnovo delle Gacs, ossia la garanzia pubblica sulla cartolarizzazione delle sofferenze bancarie.