Seduta debole a Piazza Affari per i titoli del settore bancario, che a metà giornata viaggiano in recupero dai minimi intraday mostrando però un andamento contrastato in una seduta condizionata dalle attese per il voto del Parlamento britannico sulla Brexit.

FTSE MIB: bancari in rosso. 

Alle 14, riescono a strappare a fatica il segno più Intesa Sanpaolo e Banca BPER, che salgono rispettivamente dello 0,12% e dello 0,28%, mentre restano in territorio negativo con perdite frazionali UBI Banca (-0,78%) e Unicredit (-0,63%), con quest'ultimo che secondo quanto si è appreso stamane ha intanto lanciato una nuova emissione da un miliardo di euro della categoria AT1, perpetua e callable a partire dal 3 giugno 2026.

La maglia nera della sessione spetta invece a Banco BPM, che registra una delle peggiori performance del Ftse Mib lasciando sul parterre l'1,6%. 

Banco BPM maglia nera

Proprio in relazione all'istituto guidato da Giuseppe Castagna sono intanto arrivate novità sul caso dei diamanti da investimento.

Secondo quanto riporta Milano Finanza, dopo aver aver trovato accordi con Intesa Sanpaolo, Mps, e con Unicredit , l'Aduc, una delle maggiori associazioni dei consumatori, starebbe ancora faticando a siglare un documento unico per tutti i suoi clienti con Banco Bpm e con le numerose Bcc che hanno venduto i preziosi tramite gli sportelli bancari.

Caso diamanti: le dichiarazioni dell'Aduc

"Banco Bpm ha presentato diverse offerte e la migliore riguarda la proposta in contanti per il 60% del valore pagato a suo tempo dal cliente. Quest'ultimo, poi, deve tenersi la pietra, a differenza di quanto accade con gli altri istituti", ha spiegato al quotidiano Giuseppe D'Orta, responsabile della tutela dei risparmiatori per conto di Aduc. Che ha aggiunto: "Stiamo facendo preparare una lettera via Pec dall'avvocato per chiedere alle banche coinvolte di presentare un'offerta finale in tempi stretti. Dopodiché saremo costretti a passare alla causa legale".