Nei giorni scorsi sono state le ipotesi di M&A nel settore automotive a dominare la scena sui mercati, con i riflettori puntati in particolare su Fca sulla scia di una serie di rumor e smentite che per ora non hanno portato a nulla di concreto.

Risiko: dall'auto alle banche. Focus su Unicredit e Intesa Sanpaolo

In tema di fusioni e acquisizioni si torna a parlare di uno dei settori chiave di Piazza Affari, ossia quello bancario, per il quale nei prossimi mesi potrebbe scaldarsi la partita del risiko.

Non più tardi di ieri la stampa si è soffermata su possibili operazioni cross-border che potrebbero coinvolgere in prima linea Unicredit.

Il Financial Times ha riferito infatti che la banca guidata da Mustier starebbe approntando un'offerta per Commerzbank, nel caso in cui le trattative di quest'ultima con Deutsche Bank per una fusione non dovessero andare in porto.

Le indiscrezioni riportate ieri dal Financial Times non hanno avuto in ogni caso grande presa sul mercato, considerando peraltro che una mossa di Unicredit su Commerzbank sarebbe troppo complicata e incontrerebbe una serie di ostacoli, tali da rendere poco probabile l'ipotesi di un deal.

Anche l'altro big del settore bancario, Intesa Sanpaolo, è fuori dai giochi al momento, visto che l'AD Carlo Messina ha confermato di recente di non avere alcun interesse per l'M&A, nè a livello nazionale nè internazionale.