In una giornata segnata da vendite diffuse sull'intero settore bancario, a Piazza Affari spicca in negativo la performance di Banco BPM che scivola nell'ultima posizione tra le blue chips.

Banco BPM crolla sui livelli di inizio aprile

Il titolo, dopo aver archiviato la sessione di ieri con un rialzo di circa lo 0,3%, quest'oggi ha imboccato da subito la via delle vendite e in più di un'occasione è stato sospeso per eccesso di ribasso.

Negli ultimi minuti Banco BPM passa di mano a 1,848 euro, con un affondo del 6,57% alimentato da forti volumi di scambio, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 36 milioni di azioni, già al di sopra della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 28 milioni di pezzi.

Banco BPM accusa un pesante ribasso e si riporta sui minimi di inizio aprile all'indomani della diffusione dei risultati del primo trimestre.

Banco BPM: i risultati del primo trimestre

Il gruppo ha archiviato il periodo in esame con un utile netto pari a 150,49 milioni di euro, in flessione del 32,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando il dato aveva beneficiato della plusvalenza derivante dalla riorganizzazione del comparto bancassurance.

Il margine di interesse è sceso da 595,1 a 505,2 milioni di euro, mentre il risultato della gestione operativa è peggiorato da 466,17 a 392,9 milioni di euro, a fronte di proventi operativi in flessione dell'8,9% a 1,06 milioni di euro.

Il margine di intermediazione si è attestato a 1.063,4 milioni di euro, al di sotto delle stime di consensus fissate a 1,119 miliardi.

Le commissioni nette sono scese dell'11,9% a 420 milioni di euro, mentre la raccolta diretta è salita dell'1,6% a 103,1 miliardi di euro.