Caccia all'occasione più ghiotta per poter acquistare il tanto desiderato smartphone dei sogni, oppure l'iphone di ultima generazione, un pc, una borsa griffata, e qualsiasi altro prodotto che desideriamo. Ma che per i prezzi troppo alti non si riescono a comprare durante l'anno. Allora si aspetta il Black Friday. I giorni degli sconti che lanciano la volata agli acquisti per il periodo di Natale. Ma come ogni occasione, oltra a presentarsi delle opportunità ci sono anche delle insidie: le truffe. Ma si possono evitare ed anche denunciare. Per un acquisto senza sorpresa tieni a mente questo articolo.

Storia del giorno più scontato dell'anno: il Black Friday

La tradizione del Black Friday è tutta americana. Infatti negli USA, il venerdì seguente il quarto giovedì del mese di novembre, i negozianti americani propongono sconti per incentivare gli acquisti in previsione delle spese natalizie. Ma cosa accade il quarto giovedì di Novembre? Negli States è la festa del Ringraziamento, quella in cui le famiglie si riuniscono e festeggiano insieme mangiando il famoso tacchino ripieno. La festa si celebra negli USA dal 1621 quando nella città di Plymouth, nel Massachusetts, i padri pellegrini si riunirono per ringraziare il Signore del buon raccolto. Poi fu istituzionalizzata da Abramo Lincoln. Una festa che nello spirito del ringraziamento di quello che si ha, ha dato il via allo shopping pre-natalizio fatto in famiglia. 

L'aggettivo "black", nero, invece ha una doppia storia. Era consuetudine che i negozianti tenessero i propri bilanci su dei quaderni, annotando in rosso i conti in perdita ed in nero quelli attivi. Solitamente, il giorno dopo i grandi acquisti scontati fino all'80%, i conti erano sempre in attivo. Un'altra storia invece associa il "nero" al fatto che nel giorno dei grandi sconti le strate erano affollate e trafficate, dunque con difficoltà di movimento.

Le occasioni del black fridady: si parte il 27 novembre

Lo shopping del venerdì nero è molto importante da un punto di vista di tenuta dei conti dei negozianti americani, e del mondo perchè gli analisti consideravano la riuscita di quelle vendite come il preludio ad una buona stagione natalizia. Di fatti rappresenta un indicatore di come andranno gli acquisti nel periodo fino al Natale. Ecco perchè molti negozianti anticipano il Black friday, nel giorno del Ringraziamento, ma anche alcuni giorni prima. Come in questi giorni in cui diverse catene di negozi stanno mettendo in vendita a prezzi scontati alcuni articoli. Sconti che possono arrivare fino all'80%. I negozi fisici, per effetto della pandemia da Covid, e per le misure di restrizione imposte nelle varie zone (gialle, arancione e rosse), non sono particolarmente punti attraenti per il consumatore. Che invece sarà preso molto dalle offerte online. Lo shopping via etere sicuramente la farà da padroni. Ed è proprio in queste circostanze che gli hackers trovano terrendo fertile per lanciare i loro attacchi informatici sia verso il consumatore che verso le piattaforme online di acquisto. 

Per un primo assaggio delle occasione sul web potete consultare questa pagina in continuo aggiornamento . Ma fatelo con attenzione seguendo le regole che leggerai nel proseguire la lettura dell'articolo.

Un utile video per Black Friday sicuro.

Attenzione alle truffe online

Quando c'è una crescita del traffico su internet legato agli acquisti, gli hackers sono pronti a svuotare le tasche dei consumatori. Secondo un'analisi condotta da Check Point Software, società specializzata in sicurezza informatica, solo nella prima settimana di Novembre 2020, gli attacchi informatici sono cresciuti dell'80 percento (rispetto ad ottobre), attraverso campagne "Pishing" che inducono il consumatore attraverso parole chiave a cadere nella trappola dei siti falsi.

Il Covid-19 sta spingendo, inevitabilmente, verso gli acquisti online. Di conseguenza, ci aspettiamo un’attività hacker da record, non solo per il Black Friday o il Cyber Monday, ma anche per le feste natalizie”, commenta Pierluigi Torriani, Security Engineering Manager di Check Point. 

Come si cade nel tranello? Le esche usate dai fraudolenti maghi dell'informatica sono le parole o frasi ad effetto come ‘speciale’, ‘offerta’, ‘vendita’, ‘a buon mercato’ e ‘% di sconto’. Il confine tra l'offerta reale e quella "fake" è molto sottile. L'inganno è dietro l'angolo, quindi non farti prendere solo dall'emezione di aver trovato l'articolo del tuo brand preferito ad un prezzo eccezionale. Verifica l'autenticità dell'offerta. Come? Vediamolo insieme.

Acquisti sicuri: Black friday protetto

Quando accedete ad un sito di ecommerce per fare il vostro shopping, dovete affidarvi solo esclusivamente ai siti protetti. Cioè quei siti che hanno un https e soprattutto il simbolo del lucchetto nella barra di indirizzo. Quel simbolo è il segnale che il sito è protetto ed utilizza un certificato SSL in cui è possibile inserire in modo sicuro i propri dati personali. Lo shopping online chiede inevitabilmente di inserire il proprio nome e cognome, l'indirizzo di spedizione e soprattutto pagando online, i dati delle vostre carte elettroniche di pagamento. Il simbolo del lucchetto è verde per Google Chrome mentre diventa grigio per i browser, come Firefox ed Internet Explorer. L'importante è che il lucchetto sia chiuso. Se compare la frase NON SICURO, abbandonate il sito e non procedete agli acquisti.

Sconti del Black friday: attenzione alle fregature

La ricerca del prezzo più basso, ossia dello sconto più alto, per l'articolo desiderato del proprio brand, non deve condurvi a farvi cadere nella trappola di pagare un articolo a prezzi bassissimi con il rischio di non ricevere il prodotto. Infatti è sempre buona regola confrontare i prezzi dello stesso articolo su vari siti di ecommerce, protetti, e poi cercare di verificare se il prezzo sia effettevimante congruo o meno anche in funzione delle sconto. Quello che potete fare per esempio è controllare il prezzo in negozio e poi navigare alla ricerca di uno sconto "vero". Un iphone 11 pro venduto nuovo a 100 euro con molta probabilità non sarà un iphone originale. Avrete perso 100 euro senza avere tra le mani l'articolo desiderato.

Un buon suggerimento è quello di assicurarti che il venditore mostri il prezzo originario del prodotto ed il prezzo scontato.

Siti ecommerce affidabili: Black friday salvo

Una delle modalità con cui si può controllare che l'acquisto su internet sia fatto da un sito affidabile è leggere le recensioni che gli altri acquirenti lasciano per i loro acquisti. Non solo. Potrai leggere anche le recensioni ed i feedback sui singoli venditori. Questo ti permettere di conoscere il livello di affidabilità del negozio online, in particolare di quelle piattaforme multibrand e multiprodotto. Discorso a parte va fatto per i negozi online del brand che ha anche il negozio fisico. In questo caso devi controllare che i dati della società del brand siano riportati correttamente e che coincidano con quelli del negozio fisico. Anche il cambio di una sola lettera, sulle informazioni della società deve mettervi in allarme. 

Truffa della spedizione: come evitare

L'altro modo con cui si può cadare nella truffa di un acquisti, in generale sempre in internet, ma nello specifico per un acquisto durante il Black friday è quello di non vedersi recapitare l'articolo acquistato. La procedura di acquisto sembra che sia andata bene. Hai verificato che il sito è protetto, hai controllato che i dati del sito siano corretti, ma nonostante tutto il prodotto non ti arriverà. Anche sulle spedizioni verifica sempre che l'ordine si concluda indicando la data in cui ti verrà spedito l'articolo. Anzi, i dati di spedizione dovranno essere presenti ben prima che tu effettui il pagamento. La pagina della spedizione, prima di confermare l'ordine, deve indicare il riepilogo di quello che hai acquistato, il prezzo di acquisto, le condizioni di spedzione con il relativo prezzo, le tempestiche e da dove è spedito. Un sito italiano che fa partire la merce dalla Cina o dall'Alaska deve metterti in allarme e non farti terminare la transazione. Le spese di spedizione ed eventuali tasse devono essere sempre presenti. Solo se vi sono tutti questi elementi procedi alla conferma del riepilogo dell'ordine. 

Acqusiti del Black friday: pagare online

Le modalità di pagamento per uno shopping online possono essere diverse. In alcuni casi è possibile pagare in contrassegno, ossia quando la merce ti verrà recapitata all'indirizzo che hai indicato. Ma spesso, se paghi con questa modalità, il prezzo è più alto. Allora conviene pagare con strumenti di pagamento elettronici ma attenzione a non cadere nella trappola della clonazione della carta. Il pagamento può avvenire a mezzo di un conto Paypal, di una carta ricaricabile, ma anche a mezzo bonifico e carta di credito. Se sono state rispettate le regole sopra riportate sui siti sicuri, anche il pagamento dovrebbe essere garantito. Ma è meglio che il sistema di pagamento che tu utilizzi non richieda di inserire troppe informazioni.

Paypal come pagamento sicuro per il Black Friday

Il pagamento a mezzo Paypal è più sicuro, in quanto non dovrai digitare i dati delle carte, ma semplicemente inserire i dati del tuo conto. Sconsigaliti i bonifici. Sulle carte di credito invece attenzione ad usarle. Fai i pagamenti con queste carte solo se il tuo provider abbia impostato dei sistemi di sicurezza a doppia chiave, per cui per finalizzare il pagamento devi inserire un codice OTP (one time password) che solo tu potrari ricevere. Megli una carta prepagata su cui avrai caricato il denaro sufficiente ad effettuare gli acquisti. 

Black friday non soddisfatto: può fare il reso

L'ultimo elemento che devi tenere a mente, previsto dalla normativa sulla tutela dei consumatori è il diritto di reso sia se acquisti in un negozio fisico che online. Questo diritto deve essere esercitato entro 14 giorni dalla data di ricevimento del prodotto. Assicurati che sul sito in cui stati facendo gli acquisti esiste una sezione sui resi e rimborsi. Ricordate che la garanzia vale anche per i prodotti acquistati online. Per questo motivo potrete esercitare il diritto al reso o rimborso, senza alcun aggravio di costi.