Jeremy Smouha, gestore del fondo GAM Star Credit Opportunities, spiega che il tema di lunga data delle banche che diventano più sicure e finanziate più solidamente sulla scia di una regolamentazione più rigida, è ancora significativo. Per esempio, nonostante la banca britannica Standard Chartered abbia riportato una perdita nel 2015, il suo capitale Tier 1 ha continuato a crescere fino a raggiungere il 12,6% nel 2015, in aumento dal 10,5% rispetto al 2014. Questo significa che il rischio di default è ulteriormente diminuito. Perciò, le notizie negative per i detentori di titoli azionari delle banche, come ad esempio il taglio dei dividendi, potrebbe non essere sempre una cattiva notizia per coloro che hanno obbligazioni in portafoglio. Perciò, fa bene guardare oltre ai titoli dei giornali.

Ciò nonostante, la reazione iniziale del mercato del credito alla notizia delle perdite registrate dalle banche è stato un calo dei prezzi - spiega Jeremy Smouha -. Sembra che alcuni investitori abbiano innanzitutto venduto le loro partecipazioni e solo in un secondo momento si siano posti delle domande. Con le nostre strategie, siamo riusciti a trarre vantaggio dal sell-off molto pronunciato e siamo riusciti ad acquistare posizioni a prezzi attraenti. Tra gli acquisti sono rientrate le obbligazioni di AXA e Legal & General, entrambe società molto solide, con rendimenti di circa il 7%. Abbiamo già visto una certa ripresa dei prezzi di questi bond negli ultimi giorni. In ogni caso, non smobilizzeremmo la posizione per un vantaggio a breve termine visto che riteniamo interessante includere questi rendimenti nel lungo periodo.