Elena Bonetti, la ministra per le pari opportunità e la famiglia nel Governo Conte II, ha annunciato l'istituzione di un bonus di 160 euro per le famiglie con figli fino a 14 anni. Si tratta, nello specifico, di un assegno straordinario universale che, in accordo con quanto è stato riportato dal sito notizieora.it, parte da 160 euro ma scende in base all'Isee a 120 euro oppure a 80 euro per redditi Isee sopra i 40.000 euro.

Bonus 160 euro figli fino a 14 anni, una misura comunque in bilico

In teoria il bonus 160 euro dovrebbe già essere realtà in quanto era atteso con il decreto aprile del Governo che, pur tuttavia, non è arrivato per probabili dissidi nella maggioranza.

E così prima il decreto aprile è diventato decreto maggio 2020, ma arrivati quasi a metà mese questo è stato battezzato col nome di 'Decreto Rilancio' la cui bozza è alquanto voluminosa. 

Questo significa che questa bozza con ogni probabilità sarà sfoltita con la conseguenza che non è detto che poi il bonus 160 euro alle famiglie con figli fino a 14 anni venga effettivamente confermato.

Il bonus si dimezza per i redditi Isee sopra i 40.000 euro

Nel caso in cui il bonus alle famiglie con figli fino a 14 anni fosse confermato con la sua impostazione originaria, allora le tre fasce di importi riconosciuti sono le seguenti:

  • 160 euro per redditi Isee fino alla soglia dei 7.000 euro;
  • 120 euro per redditi Isee sopra i 7.000 euro e sotto i 40.000 euro;
  • 80 euro per redditi Isee sopra i 40.000 euro.

Per accedere al bonus non fa testo la condizione lavorativa dei genitori

Quindi, per accedere al bonus serve solo il rispetto di due requisiti, quello sull'Isee, e quello relativo alla presenza in famiglia di un figlio a carico di età inferiore ai 14 anni. Mentre non fa testo la condizione lavorativa dei genitori se disoccupati, cassintegrati o lavoratori del pubblico impiego o del settore privato.