Coloro che hanno ricevuto il bonus 600 euro di marzo, non senza difficoltà nel presentare l'istanza collegandosi al sito dell'Inps, per il mese di aprile del 2020 hanno ricevuto o riceveranno a brevissimo l'indennità, per lo stesso importo, senza muovere un dito, ovverosia in automatico.

Bonus 600 euro Inps a partite Iva e lavoratori autonomi in automatico col Decreto Rilancio

L'automatismo del bonus 600 euro aprile 2020, a favore di lavoratori autonomi e partite Iva, è stato disposto con il Decreto Rilancio del 19 maggio maggio scorso in corrispondenza dell'articolo numero 34 in accordo con quanto è stato riportato dal sito notizieora.it.

Pagamento bonus 600 euro è partito lo scorso 20 maggio, ecco tutte le info

Gli accrediti per il bonus 600 euro aprile 2020, in accordo con un messaggio dell'Inps, sono partiti mercoledì scorso, 20 maggio, con accredito dell'indennità sul conto corrente così come avvenuto per i 600 euro di marzo

In ogni caso, con accesso tramite credenziali con Pin Inps, Spid, Cie o Cns, i beneficiari possono controllare la corretta erogazione dell'indennità dal sito Internet dell'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale che, in ogni caso, a pagamento avvenuto invierà un sms di notifica.

Bonus 600 euro pure ai disoccupati esclusi dal Cura Italia, ma bisogna presentare domanda

Senza automatismo, ma con presentazione della domanda all'Inps, il sito notizieora.it fa altresì presente che il bonus 600 euro spetta pure ai lavoratori disoccupati esclusi dagli aiuti di Stato varati con il Decreto Cura Italia. Si tratta, in particolare, dei lavoratori autonomi occasionali privi di partita Iva, di lavoratori occasionali con incarichi legati alle vendite a domicilio, dei lavoratori intermittenti e dei lavoratori dipendenti stagionali licenziati appartenenti a settori diversi dal turismo.