Quella del 3 giugno del 2020 è la data ultima per presentare la domanda per l'accesso al bonus 600 euro per gli autonomi. In particolare, al fine di non perdere l'indennità, sono chiamati a presentare domanda coloro che per il mese di marzo del 2020 non hanno ancora chiesto il bonus, pur avendone i requisiti, e per il bonus 600 euro mese di aprile del 2020 tutte quelle categorie di lavoratori che sono state incluse con il Decreto Rilancio che è stato varato dal Governo italiano

Bonus 600 euro aprile 2020 in automatico solo per chi lo ha chiesto ed ottenuto per marzo

Per chi invece ha chiesto ed ottenuto il bonus 600 euro a marzo, l'indennità di aprile, pari allo stesso importo, arriverà in automatico, ovverosia senza la necessità di ripresentare domanda in accordo con quanto è stato riportato da Repubblica.it.

Indennità autonomi e partita Iva, ecco la pagina web di riferimento

Sull'indennità 600 euro ricordiamo che la pagina web istituzionale di riferimento, cliccando qui, è quella dell'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale. Sulla pagina web, a sinistra, c'è inoltre il 'Tutorial Domanda Indennità CODIV-19' al fine di poter presentare la domanda per il bonus 600 euro senza commettere errori.

A chi spetta il bonus 600 euro, ecco tutta la platea dei potenziali beneficiari

Nel pdf è tra l'altro indicata la platea dei beneficiari del bonus 600 euro, dai professionisti con la partita Iva ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, e passando per i lavoratori autonomi che sono iscritti alle Gestioni speciali dell'AGO, i lavoratori del turismo e degli stabilimenti termali, i lavoratori dello spettacolo che sono iscritti al Fondo pensioni dei lavoratori dello spettacolo, e gli operai agricoli a tempo determinato.