Il bonus dei 600 euro previsto dal decreto Cura Italia per i titolari di partita Iva e i lavoratori autonomi continua a far parlare di sè.

Bonus 600 euro: cambiano i requisiti per i professionisti

La scorsa notte è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto imprese che di fatto ha modificato i requisiti per la richiesta del bonus da 600 euro da parte dei professionisti.

Nel decreto viene infatti precisato che “Ai fini del riconoscimento dell’indennità, i professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria devono intendersi non titolari di trattamento pensionistico e iscritti in via esclusiva”.

Bonus 600 euro: Casse private fermano i pagamenti

Una precisazione non da poco che pone un discrimine importante, quale l'iscrizione alle Casse private in via esclusiva, portando così all'esclusione di quanti ad esempio sono anche titolari di redditi da lavoro dipendente.

Le Casse di previdenza sono così costrette a sospendere i pagamenti a quanti hanno fatto richiesta del bonus da 600 euro in attesa di ricevere direttive ministeriali in merito.

Bonus 600 euro: le indicazioni dell'Adepp

Su ItaliaOggi si legge che secondo l'Adepp, "A questo punto è possibile che gli enti richiedano agli iscritti che hanno presentato l’istanza di integrare la domanda con un’autocertificazione, in cui attestino di non essere titolari di redditi da lavoro dipendente.

E' lecito pensare che ci vorrà, tra comunicazione agli iscritti, invio dell’autocertificazione e verifica dei requisiti, non meno di una settimana".