Prosegue in maniera estenuante l'andamento altalenante dei mercati azionari, in particolare di quelli europei, che continuano a muoversi sulla scia delle notizie che arrivano in merito alla crisi della Grecia. Quanti speravano in un accordo nella giornata odierna dovranno rivedere le loro aspettative, visto che un simile scenario molto difficilmente si materializzerà almeno non nelle prossime ore.

Sospeso Eurogruppo: fase di stallo sulla Grecia

Quest'oggi è stata sospesa a tempo indeterminato la riunione dell'Eurogruppo visto che non è stato raggiunto alcun accordo tra Atene e i creditori internazionali. A breve avrà inizio il meeting del Consiglio europeo, ma c'è poco da sperare dopo le dichiarazioni della cancelleria tedesca Angela Merkel, la quale ha affermato che i progressi nelle trattative non sono sufficienti.

Il Fondo Monetario Internazionale poco fa ha fatto sapere che Atene sarà insolvente se il 30 giugno prossimo non pagherà la tranche da 1,6 miliardi di dollari, spiegando che non concederà proroghe neanche se un'intesa sarà vicina.
Aleggia così un certo pessimismo sulla vicenda greca e i mercati azionari restano stretti nella morsa di un'incertezza che fortunatamente almeno per il momento non sta provocando particolari danni sui listini del Vecchio Continente.
Del resto le Borse ormai da qualche giorno stanno scommettendo su un accordo e credono che alla fine un'intesa sarà raggiunta. Gli analisti di Bank of America-Merrill Lynch avvertono che ci sono ancora importanti sfide con cui fare i conti nelle prossime giornate. La banca americana si interroga, nel caso in cui Atene riuscirà a ricevere i fondi entro il 30 giugno, su come sarà ripristinata la fiducia delle banche elleniche e su come si finanzierà la Grecia nei prossimi 12-24 mesi, visto che l'accordo attuale fornisce i fondi per ripagare l'FMI e la BCE a luglio e ad agosto.
A scommettere su un accordo nei prossimi giorni è JP Morgan, i cui analisti credono che un'intesa tra Atene e i creditori internazionali sarà raggiunta probabilmente domenica sera, visto che a quanto pare Tsipras ha ragionato sul controllo dei capitali e sembra intenzionato ad evitarlo.