Guerra commerciale: il report del WSJ

La nota di UBS segue le indiscrezioni di stampa secondo cui l'Amministrazione USA sarebbe pronta a eliminare gran parte o tutte le tariffe contro i beni d'importazione cinese, ottenendo come contropartita un impegno concreto di Pechino sul fronte della proprietà intellettuale e un robusto incremento delle importazioni cinesi dagli Stati Uniti.



Secondo quanto ha riferito il Wall Street Journal, Donald Trump e e il presidente cinese Xi Jinping potrebbero arrivare a un accordo commerciale formale in un incontro a fine marzo, dopo un viaggio del presidente cinese in Italia e Francia: nel quadro dell'accordo, la Cina alleggerirebbe i suoi dazi ed altre restrizioni su alcune merci americane, come i prodotti agricoli, chimici e del settore auto, mentre l'Amministrazione USA rimuoverebbe gran parte, o addirittura tutte le sanzioni finora adottate.

L'effetto sulle Borse

Anche se restano ancora dei punti ancora da chiarire - è da capire ad esempio se i dazi sarebbero eliminati subito o in un periodo di tempo prolungato, così da dare a Washington il tempo di monitorare il rispetto degli impegni da parte della Cina - la prospettiva di una pace commerciale ha intanto già suscitato un certo ottimismo sulle Borse.