Btp domani, oggi BOT: i dettagli dei nuovi collocamenti in euro 

Domani, invece, saranno in primo piano i Btp, con un'emissione fino a 7,5 miliardi di titoli che saranno distribuiti in tre tranche: uno con scadenza a 3 anni (gennaio 2023) per un importo nel range tra 2,25 e 2,75 miliardi; uno a 7 anni (luglio 2026) per un ammontare totale tra 1,75 miliardi e 2,25 miliardi; un altro a 20 anni (marzo 2040) e infine uno trentennale con scadenza settembre 2049, con una raccolta che per queste ultime due emissioni si colloca complessivamente nel range tra 1 e 1,5 miliardi.

Btp in dollari: domanda boom, collocamento sale a 7 miliardi

Nel frattempo, approfittando dell'appetito mostrato dagli investitori a caccia di rendimenti, il Mef ha fatto sapere di aver quasi triplicato le dimensioni dl collocamento dei Btp in dollari, cresciute dai previsti 3 miliardi fino a 7 miliardi a fronte di una domanda boom di oltre 18 miliardi.

Nel dettaglio, stando a quanto riportato nelle note ufficiali pubblicate sul sito del Tesoro, la tranche da 2,5 miliardi che ha riguardato i titoli a 5 anni, con un rendimento fissato al 2,43%, mentre i Btp a scadenza a 10 anni e a 30 anni hanno assorbito rispettivamente 2 miliardi e 2,5 miliardi, per rendimenti fissanti al 2,9% nel primo caso e al 4,022% nel secondo.