Un'altra seduta molto pesante per il mercato obbligazionario italiano che dopo i segnali negativi di ieri ha mostrato un tentativo di stabilizzazione per buona parte della seduta, salvo poi accusare uno shock improvviso nell'ultima ora di contrattazioni.

Spread BTP-Bund: impennata sui massimi di fine agosto

Lo spread BTP-Bund dopo essere salito ieri di quasi il 4,5%, ha mostrato un rialzo abbastanza contenuto per buona parte della giornata, per poi impennarsi nel finale e terminare gli scambi sui massimi intraday a 177,8 punti base, con un rally del 9,69%.

Il differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco si è riportato così ad un passo dalla soglia dei 180 punti base, su livelli lascia alla spalle alla fine di agosto, prima della nascita del Governo Conte-Bis.

BTP: sell a pioggia. Rendimento a 10 anni in forte rally

L'impennata registrata nel finale dallo spread ha visto un movimento analogo sui BTP, colpiti da una pioggia di vendite un'ora prima del close.

Il rendimento del decennale si è fermato sui massimi di giornata all'1,434%, con un corposo rialzo dell'8,31%.

Il movimento odierno dei BTP è avvenuto in netta controtendenza rispetto agli altri bond dell'area euro che hanno visto invece rendimenti in calo, a partire dal Bund, alla luce di uno scenario risk-off che ha preso piede nelle ultime ore.

BTP e Spread: i motivi alla base dello shock odierno

Le incertezze legate alla disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina hanno indotto gli investitori ad una maggiore cautela e questo ha favorito i titoli più sicuri come quelli tedeschi, penalizzando invece i bond più rischio quali i BTP.