Dopo il buon rialzo di venerdì scorso, quando il Ftse Mib ha registrato la miglior performance tra le piazze europee (+1,5%), sta proseguendo anche quest'oggi il buon momento degli asset azionari italiani.

Btp e spread sotto pressione mentre il Ftse Mib sale

Alle 15, l'indice milanese sale in area 20.700 punti, con un progresso dell'1,9% ancora una volta superiore a quello delle altre principali Borse continentali (Dax +1,5%, Parigi +1,4%, Londra +1,1%) in un clima positivo grazie alle attese di un possibile allentamento monetario da parte della Bce e tra i segnali contrastanti sul fronte della guerra commerciale Usa-Cina.

Spread volatile in attesa di Conte

Più volatile invece l'andamento del mercato obbligazionario, dove si sente maggiormente una certa pressione per l'importante tappa di domani della crisi di governo, con il discorso al Senato di Giuseppe Conte: lo spread BTP-Bund, salito in mattinata verso i 215 punti base, si attesta negli ultimi minuti a 210 punti, due punti sopra i livelli del close della vigilia, con il rendimento del decennale italiano che viaggia all'1,447% dall'1,38% di venerdì. 

Btp e spread sotto pressione in attesa di Conte: che succede domani

Oggi intanto gli analisti di mercato si interrogano su quanto potrà accadere a partire dalle comunicazioni del premier, che esattamente tra 24 ore, alle 15 di domani, racconterà al Senato come si è arrivati alla frattura governativa messa in moto dalla Lega di Matteo Salvini e potrebbe poi in serata rassegnare le proprie dimissioni, aprendo così la strada alla vera e propria crisi di governo.