Dopo la misura della cassa integrazione per coronavirus introdotta solo in quei Comuni inizialmente appartenenti alla zona rossa, il Governo italiano in data odierna, a conclusione di un Consiglio dei Ministri, ha annunciato l'estensione degli ammortizzatori sociali in tutta Italia.

Cassa integrazione in deroga anche alle aziende con un solo dipendente

Nel dettaglio, l'Esecutivo ha varato il decreto Cura-Italia che, per quel che riguarda la cassa integrazione in deroga, prevede uno stanziamento di 3,3 miliardi di euro andando a coprire, tra l'altro, pure le aziende con un solo dipendente in accordo con quanto è stato dichiarato da Nunzia Catalfo, la ministra del Lavoro, nel corso dell'odierna conferenza stampa.

Ammortizzatori sociali, 9 settimane per tutte le imprese 

Secondo quanto è stato confermato da Ansa.it, la cassa integrazione in deroga per tutte le aziende avrà una durata pari a 9 settimane per un provvedimento, rappresentato dal decreto Cura-Italia, che attiva nell'immediato misure per complessivi 25 miliardi di euro circa. Sono previste infatti misure a tutela ed a protezione di imprese, lavoratori, famiglie e medici in prima linea nella lotta al coronavirus.

Decreto Cura-Italia: le misure per autonomi, liberi professionisti e legge 104

La ministra del Lavoro, inoltre, ha annunciato circa 3 miliardi di euro di stanziamenti a favore di lavoratori autonomi e liberi professionisti che, a causa dell'emergenza coronavirus, sono stati costretti a sospendere l'attività. In più, con una copertura finanziaria pari a mezzo miliardo di euro, i permessi per la legge 104 passeranno a 12 giorni. Per controvalore il decreto Cura-Italia è sostanzialmente una manovra finanziaria anti coronavirus, ma già ad aprile il Governo potrebbe varare altri provvedimenti facendo leva su fondi Ue.