Ultima seduta della settimana tutta in salita per Cattolica Assicurazioni che, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un progresso di oltre un punto percentuale, oggi riesce a fare decisamente meglio, tanto da conquistare la prima posizione nel paniere del Ftse Italia Mid Cap.

Il titolo negli ultimi minuti viene fotografato a 4,522 euro, con un rally del 3,1% e oltre 350mila azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 500mila pezzi.

Cattolica Assicurazioni: rumor su Cda oggi per via libera ad aumento

Cattolica Assicurazioni resta sotto i riflettori sulla scia delle indiscrezioni riportate da Milano Finanza, secondo cui oggi si dovrebbe tenere il CdA della società per dare il via libera all’aumento di capitale da 300 milioni di euro riservato a Generali, vale a dire la prima fase dell’operazione di rafforzamento patrimoniale per complessivi 500 milioni di euro come richiesto dal regolatore.

L’aumento di capitale riservato prevede l’emissione di 54 milioni di nuove azioni Cattolica Assicurazioni che verranno sottoscritte da Generali a un prezzo di 5,55 euro (28% sopra i prezzi attuali del titolo), a seguito del quale Generali deterrà il 24,4% della società.

Cattolica Assicurazioni: come si muoverà il titolo ora. Il prossimo step

Contestualmente, nel rispetto degli accordi sottoscritti a giugno, tre rappresentanti di Generali entreranno nel CdA di Cattolica.

Sulla base dei prezzi attuali e delle condizioni dell’aumento di capitale, gli analisti di Equita SIM stimano che il titolo possa muoversi in area 4,6 euro.

Il secondo step, vale a dire l’aumento di capitale da 200 milioni aperto a tutti gli azionisti, dovrebbe invece avvenire tra fine 2020 ed inizio 2021.

Utilizzando il dato di Solvency alla fine di agosto a 154%, l’aumento di capitale da 500 milioni di euro porterebbe il ratio patrimoniale in area 190%. Equita SIM ricorda che Generali ha manifestato la disponibilità a sottoscrivere, pro quota, le azioni rinvenienti dall’esercizio del diritto di recesso, l'11,64% del capitale sociale per un complessivo controvalore di 111 milioni di euro.

Cattolica Assicurazioni: le attese di Equita SIM

Tuttavia visto lo sconto dell’attuale prezzo di mercato rispetto al prezzo di recesso, pari ad oggi ad un 20% circa, gli analisti di Equita SIM ritengono improbabile che l’offerta delle azioni recedenti in opzione agli azionisti (escluso Generali) e quella successiva sul mercato, alle condizioni attuali, possano riscontrare particolare successo, implicando un cash-out per Cattolica Assicurazioni stimato per un ammontare massimo pari a 84 milioni di euro, il17% dell’aumento di capitale.

Non cambia intanto la strategia di Equita SIM che sul mantiene invariato il rating "hold",con un prezzo obiettivo a 4,9 euro.