Anthony Chan, Chief Asia Investment Strategist di UBP, spiega che l'epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) esplosa tra novembre 2002 e luglio 2003 è il riferimento più rilevante per giudicare l'impatto che il coronavirus sta avendo sul mercato. Lo scenario di base di Anthony Chan presuppone un modello simile di diffusione e contenimento delle infezioni che ha coinciso con i viaggi in Cina in occasione del Capodanno lunare.

Dal picco del 17 gennaio, vari indici borsistici asiatici hanno subito un brusco calo iniziale prima di un rimbalzo legato al rallentamento delle nuove infezioni e al rapido sostegno politico della Cina. Nel complesso, l'MSCI Asia (ex. Giappone), l'MSCI Cina e l'HSI sono scesi rispettivamente del 3%, del 2,9% e del 4,6%.

Nello stesso periodo, i multipli forward del P/E a 12 mesi per l’MSCI Asia sono scesi da 14,2x a 13,7x (contro una media a 10 anni di 12,6x). L’MSCI Cina è sceso da 12,7x a 12,2x (contro una media di 11,0x), e l’HSI è sceso da 10,9x a 10,5x (contro una media di 11,4x).

Anthony Chan ritiene che i prezzi attuali del mercato siano troppo ottimisti su un rapido contenimento dell’epidemia. Il livello di riferimento di Anthony Chan al ribasso per l'HSI è il recente minimo del P/E forward al 9,5x di marzo 2019. Se si tiene conto del modesto downgrade della crescita degli utili, un ulteriore calo dell'indice del 10-12% rispetto al livello attuale rappresenterà un'opportunità di ingresso molto interessante.  Analogamente, il target di Anthony Chan al ribasso per l’MSCI China è un multiplo forward di circa 10,5x e questo significherà un ulteriore calo del 12-14% rispetto all'attuale livello dell'indice per stabilire un buon punto di ingresso.