Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su diverse blue chips.

Il Ftse Mib è tornato a salire dopo il test di area 21.800, spingendosi su nuovi massimi da inizio anno. Il movimento in atto è destinato a proseguire nel breve?

A Piazza Affari la view rimane indubbiamente rialzista, anche alla luce del progresso messo a segno da Wal Street, dove si stanno aggiornando i massimi di sempre.

C'è una spinta verso l'alto di tutto l'azionario globale e mi aspetto che il Ftse Mib continui il suo percorso rialzista.
Le quotazioni sono ormai vicine alla soglia dei 22.400 punti che avevo indicato come primo target la scorsa settimana.

Nel giro di qualche seduta l'indice allungherà ulteriormente il passo e si spingerà in direzione di area 22800.

Questo livello è una resistenza che, se superata, proietterà il Ftse Mib in un'area di prezzi compresa tra i 23.600 e i 24.000 punti più in là nel tempo.

Al momento ritengo che siano molto basse le probabilità di assistere ad uno scenario ribassista nel breve a Piazza Affari.

Per l'indice segnalo il primo sostegno a 22.000 punti, sotto cui si guarderà ai minimi delle ultime sedute in area 21.800.

Una rottura di questo livello porterà a guardare ai 21.600/21.500 punti, persi i quali la discesa del Ftse Mib proseguirà in direzione di area 20.800.