La nuova settimana è partita bene per le Borse europee che dopo i cali accusati nelle ultime due sedute hanno ripreso con decisione la via dei guadagni ogni. Gli indici del Vecchio Continente si sono posizionati da subito al di sopra della parità, allungando progressivamente il passo e presentandosi negli ultimi minuti a ridosso dei massimi intraday.
Il Ftse100 sale dello 0,97%, preceduto dal Cac40 e dal Dax30 che avanzano rispettivamente dell'1% e dell'1,12%.

Per oggi non sono previsti dati macro di rilievo in Europa, dove è in agenda una riunione dell'Eurogruppo, alla quale parteciperà anche il presidente della BCE, Mario Draghi.

Intanto l'attenzione degli investitori continua ad essere rivolta alle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina. Nel corso della settimana è previsto un nuovo incontro a Pechino tra gli alti funzionari dei due Paesi, da seguire con interesse dopo che il presidente Trump ha fatto sapere che non incontrerà più il suo omologo cinese prima di marzo.

Molto bene Piazza Affari che al momento registra la migliore performance in Europa, con il Ftse Mib in ascesa dell'1,55% a ridosso di quota 19.650 punti.

Da segnalare la flessione dello spread BTP-Bund che arretra di circa tre punti e mezzo percentuali, scendendo poco al di sotto dei 283 punti base.

Questo contribuisce a regalare ulteriore buonumore ai titoli del settore bancario che stanno vivendo una seduta sugli scudi, dopo che i vari gruppi hanno fatto sapere di essere ampiamente al di sopra dei requisiti patrimoniali Srep previsti dalla BCE.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?