Torna qualche acquisto sulle Borse europee che dopo la flessione di ieri, quando la giornata è stata archiviata con un ribasso di oltre un punto percentuale, si sono posizionate da subito in territorio positivo. Nel complesso prevale ancora una certa cautela, ma gli indici del Vecchio Continente sono tutti preceduti dal segno più, con il Ftse100 in ascesa dello 0,6%, seguito dal Cac40 e dal Dax30 che avanzano rispettivamente dello 0,33% e dello 0,3%.

Sul fronte macro è stato diffuso in Europa il dato relativo alla produzione industriale che a maggio ha evidenziato una variazione positiva dell'1,3%, in netto recupero rispetto alla lettura precedente rivista al rialzo da -0,9% a -0,8% e poco oltre le attese del mercato che puntava ad un incremento dell'1,2%.

In Germania il dato finale dell'inflazione a giugno ha mostrato un rialzo dello 0,1%, in linea con la lettura preliminare e con le attese del mercato, ma in frenata rispetto allo 0,5% del mese precedente.
Lo stesso dato in Francia si è attestato sulla parità, in calo rispetto allo 0,1% precedente e allo 0,1% messo in conto dagli analisti.

L'attenzione degli investitori è ora rivolta alle minute della BCE, ossia ai verbali dell'ultima riunione di politica monetaria tenutasi lo scorso 14 giugno, mentre nel pomeriggio avrà inizio la riunione dell'Eurogruppo.

Si muove in lieve progresso Piazza Affari dove il Ftse Mib dopo un avvio in salita ha cambiato direzione di marcia, scendendo a segnare un minimo intraday poco sotto area 21.600, da cui però ha avviato un recupero, presentandosi ora a poca distanza dai 21.750 punti, con un lieve rialzo dello 0,1%.