Tetto sui pagamenti in contanti tagliato a 1000 euro oppure no. E' questo, secondo quanto riportano le ultime ricostruzioni di stampa, l'ultimo nodo intorno al quale si è avvitato ieri sera il confronto finale nel governo Conte, in vista del Cdm di questa sera, sui provvedimenti da inserire nella prossima manovra fiscale

Contante: tetto pagamenti 1000 euro. Detrazioni solo no cash

Il Corriere della Sera scrive che il Premier, sostenuto dal Ministero dell'Economia, insiste per ridurre la soglia di utilizzo del contante dagli attuali 3000 a 1000 euro, una stretta necessaria, a giudizio di Palazzo Chigi, per incentivare la diffusione dei pagamenti elettronici che è alla base del piano anti-evasione "per recuperare 7 miliardi" annunciato dall'esecutivo, ma che adesso "rischia di non produrre risultati" perché sono venuti a mancare dei "disincentivi (al contante, ndr) prima previsti, poi cassati".

Secondo il quotidiano, un abbassamento a mille euro del tetto limite all'uso del cash è peraltro una misura che il M5S potrebbe anche accettare, nel caso in cui venissero azzerate le commissioni sui pagamenti fino a 5 euro con carte elettroniche (e ridotte le commissioni per le spese di importo superiore a tale somma). E che costituisce tra l'altro solo la più discussa tra le tante in arrivo. (Premere il tasto Continua per proseguire)