Sono 9, tra imprese farmaceutiche di fama mondiale e piccole startup, in corsa per sviluppare un vaccino o un trattamento contro l'infezione causata dal nuovo coronavirus. Il Covid-19 è stato scoperto per la prima volta a dicembre a Wuhan, in Cina, e non esistono al momento vaccini o terapie approvati dalla Food and Drug Administration (FDA).

Negli Stati Uniti le aziende che hanno avviato lo sviluppo di trattamenti hanno ricevuto finanziamenti da due organizzazioni: la Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA) - divisione del Dipartimento per la salute e i servizi umani - e il National Institute of Allergy and Malattie infettive (NIAID) - divisione del National Institutes of Health. Alcune aziende hanno ricevuto finanziamenti dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), un'organizzazione globale con sede a Oslo. Altre società stanno finanziando i test in modo autonomo o attraverso partnership con altre società.

  1. Gilead Sciences sta testando un trattamento (remdesivir) per le forme di polmonite da lievi a moderate nelle persone che hanno contratto il virus. Attualmente gli studi clinici sono in fase 3.
  2. Il colosso farmaceutico britannico GlaxoSmithKline (GSK) sta collaborando con altre realtà farmaceutiche, mettendo a disposizione la tecnologia adiuvante AD03 per supportare lo sviluppo rapido di un vaccino per il coronavirus. Un adiuvante è una sostanza che si aggiunge al vaccino e riesce a favorire la risposta del sistema immunitario, creando una immunità più forte e lunga nel tempo. Secondo responsabili scientifici della ricerca è impensabile ottenere un vaccino prima di 1-3 anni.
  3. Inovio Pharmaceuticals sta sviluppando un vaccino a base di DNA (INO-4800). La società ha avviato test preclinici e si aspetta di ottenere i primi risultati della sperimentazione clinica, che inizieranno ad aprile, entro la fine dell'anno.
  4. Johnson & Johnson sta collaborando con BARDA per selezionare i farmaci antivirali esistenti che potrebbero essere efficaci contro il Covid-19. La società punta a iniziare uno studio clinico di Fase 1 entro la fine del 2020.
  5. Moderna ha ricevuto finanziamenti dal CEPI per sviluppare un vaccino a base di RNA. La società ha già avviato uno studio clinico di Fase 1 su 45 pazienti adulti sani per testare il mRNA-1273.
  6. Regeneron Pharmaceuticals sta lavorando allo sviluppo di anticorpi monoclonali come trattamento per il Covid-19 attraverso la piattaforma proprietaria VelocImmune, che utilizza topi geneticamente modificati con sistemi immunitari umanizzati nei test preclinici.
  7. Sanofi sta lavorando con BARDA per testare un candidato preclinico al vaccino utilizzando la piattaforma proprietaria di DNA ricombinante. Sanofi ha una lunga storia nella produzione di vaccini e potrebbe condurre uno studio clinico di fase 1 tra marzo e agosto 2021.
  8. Il gruppo farmaceutico giapponese Takeda sta testando globuline iperimmuni per le persone ad alto rischio di infezione. Come J&J, Takeda prevede di esaminare se altre terapie, sia sperimentali sia con approvazione normativa, possano avere un potenziale terapeutico.
  9. Vir Biotechnology sta collaborando con WuXi Biologics con sede a Shanghai per testare gli anticorpi monoclonali come trattamento per COVID-19. Se il trattamento venisse approvato, WuXi potrà commercializzarlo in Cina, mentre Vir avrà diritti di marketing per il resto del mondo. La fase preclinica è gestita da George Scangos, ex CEO di Biogen.