Thomas Gottstein, dallo scorso febbraio chief executive di Credit Suisse (in scia allo scandalo per spionaggio che aveva portato alle dimissioni del suo predecessore Tidjane Thiam) chiede a gran voce una rivoluzione per il sistema bancario elvetico. Per Gottstein, infatti, dovrebbero essere cancellati i privilegi delle banche cantonali. "Ritengo le banche cantonali con garanzie statali implicite o esplicite e privilegi fiscali una grave distorsione del mercato nel settore privato svizzero", ha dichiarato al settimanale Schweiz am Wochenende, in un'intervista citata da Reuters. “Un normale istiutto paga in media circa il 20% di tasse e versa il 50% dei profitti ai suoi azionisti. Non vedo alcun motivo per cui le banche cantonali non dovrebbero fare lo stesso", ha sottolineato.

Che cosa sono le banche cantonali?

Le banche cantonali sono istituti di credito di proprietà pubblica, cui il cantone di residenza fornisce garanzia sui depositi. Regolati dall'Unione delle Banche Cantonali Svizzere di Basilea, i 24 istituti rappresentano il 30% del settore bancario elvetico nel suo complesso. Due di loro, Zürcher Kantonalbank (Zurigo) e Banque Cantonale Vaudoise (Vaud), sono la terza e la quarta maggiori banche della Svizzera, alle spalle dei colossi internazionali Ubs e Credit Suisse.

Perché ora? Per le opportunità del Covid-19

Perché Credit Suisse va proprio ora all'attacco delle banche cantonali? Perché il settore in Svizzera sta vivendo una stagione particolare, a causa dell'impatto sull'economia dell'epidemia di coronavirus e sul conseguente cambiamento del comportamento dei risparmiatori. Secondo Gottstein i ricchi clienti privati sono tornati a trasferirsi in Svizzera per paura che altri Paesi europei possano aumentare le tasse, anche su patrimoni e successioni, per fare fronte agli elevati costi della crisi del Covid-19. "Questa è un'opportunità per il nostro mercato finanziario e il private banking", ha spiegato. E considerati i privilegi di cui godono le banche cantonali potrebbero avere un'arma in più per beneficiare di questa congiuntura.