Doveva segnare l'anno della rinascita dopo i disastri del 2018. Ma per il momento il 2019 consegna al  Bitcoin un'altra pessima notizia: nel fine settimana, la celebre criptovaluta è entrata infatti ufficialmente nel più lungo ciclo ribassista della sua storia decennale. 



Criptovalute: Bitcoin, il bear market è record

Il record negativo è stato tecnicamente infranto lo scorso sabato 2 febbraio, quanto il Bitcoin ha raggiunto il traguardo dei 411 giorni di bear market, ossia un giorno in più rispetto al periodo di ribassi prolungati che tra il 2013 e il 2015 fece precipitare i prezzi dell'86,45% (da 1.178 a 114 dollari): se anche febbraio dovesse chiudersi rosso, i criptofan dovrebbero peraltro fare i conti con l'ennesimo triste primato, ovvero sette ribassi mensili consecutivi.